Arredo terrazzo: verde, mobili e stile

Dell’arredo da esterni fa parte la categoria che riguarda l’arredo terrazzo. Creare uno spazio verde sul vostro terrazzo conferisce benessere e stile all’intera abitazione ma, se preferite, potrete sempre optare per altre soluzioni d’arredo.

Il terrazzo corrisponde a metri quadri che sono in aggiunta alla casa, ovvero, all’aperto, da sfruttare nel miglior modo possibile. Per utilizzare in modo consono questo spazio, è necessario arricchirlo di arredi che lo rendano comodo e funzionale. I pezzi per arredare un terrazzo possono essere di diverso genere, con varie funzioni, in materiali comunque resistenti e con forme innovative. Questi elementi possono essere: tavoli, sedie e panche, sedie a sdraio, ombrelloni, dondolo, amaca, barbecue, piscine o vasche idromassaggio, coperture, piante.

ARREDO TERRAZZO: I MATERIALI DA UTILIZZARE

Arredo terrazzo con sedutePrima di tutto bisogna tener conto della portata del terrazzo, cioè dal peso che il terrazzo può sopportare; conoscere quanto peso può sopportare il terrazzo significa poter decidere con esattezza riguardo allo stile dell’arredamento, in linea di massima però, la portata di un terrazzo è di circa 500-600 Kg per metro quadro. Oltre ad arredare con vasi e piante, il terrazzo può essere ornato e reso fruibile e funzionale con veri e propri mobili pensati appositamente per questa tipologia di esterni, ma oltre ai mobili, sopra menzionati, è bene valutare anche i materiali:

Il legno ad esempio, è un materiale che garantisce una buona stabilità,una buona resistenza al calore del sole, alla pioggia e all’umidità. Per farlo durare più a lungo conviene trattarlo con vernici protettive, almeno per l’inverno e spostare quindi i mobili possibilmente al coperto.

Come per l’arredamento interno, oggi anche per l’arredamento esterno esistono varie tipologie, eventualmente è possibile anche riprendere lo stile dell’interno per cercare di creare un tutt’uno con entrambi gli ambienti. Se abbiamo uno stile design tecnico ed innovativo per la nostra casa, è possibile abbinare anche all’esterno poltrone design dalle forme minimali oppure diversamente capienti, con cuscini colorati, tavolini etnici, candelabri, luci colorate e specifiche profumazioni. Diversamente, si può creare uno stile rustico, o uno stile country con travi in legno, erba sintetica, oppure chiudere eventualmente gli spazi con degli appositi accessori che hanno la funzione di riparare dal vento e dalla pioggia.

Sui terrazzi si possono anche aggiungere piscine in gomma oppure delle vere e proprie vasche o piscine per esterni con idromassaggio, a questo punto più che di terrazzo, possiamo parlare di una vera e propria stanza aggiunta; un’altra idea è quella di poter arredare anche con comodi divani o addirittura letti per poter ammirare il cielo e le stelle, romantico, questo però dipende se il terrazzo è al coperto ed ovviamente dalla metratura.

La plastica: i materiali plastici sono usati all’esterno per la loro leggerezza,gli arredi sono maneggevoli, comodi da trasportare, smontabili e pieghevoli. Gli arredi in plastica sono anche molto belli e simpatici, spesso in vari colori con disegni e stampe, oppure ad effetto vimini o simili al marmo e al legno. La scelta dei materiali plastici è vincente per diverse ragioni ovvero, le varie finiture permettono di soddisfare gusti estetici diversi, il costo è piuttosto basso, sono molto resistenti soprattutto in inverno. In genere il materiale più usato per gli arredi esterni in plastica è il propilene, leggero e resistente al calore, abrasione, agenti chimici, e duro in superficie.

Ferro e alluminio: sono spesso utilizzati per gli arredi esterni, abbinati ad altri materiali come legno e pietra per i piani d’appoggio, oppure come il tessuto per sedute e schienali. Gli arredi esterni in ferro hanno buona robustezza e buona stabilità, ma sono soggetti a ruggine. Gli arredi in alluminio invece, non sono soggetti a ruggine ma all’esterno tendono ad opacizzare, basta però una lucidata per farli tornare belli.

Fibre naturali e sintetiche: le fibre naturali danno un effetto esteticamente molto interessante agli arredi esterni e non conducono il calore, alcuni arredi di questo genere sono realizzati interamente in fibra, le fibre naturali più utilizzate sono: il rattain, derivato da una pianta, lo smidollino, lavorazione particolare dello rattain intrecciato a mano, il vimini, ottenuto dall’intreccio dei rami del salice, il giacinto d’acqua, ed il cocco ed il banano.

I tavoli da esterno possono assumere le stesse forme di quelle da interno e anche le medesime dimensioni, possono essere quadrati, rettangolari, rettangolari con angoli rotondi oppure rotondi; un’altra idea è quella dei Gazebo che possono essere realizzati  in diversi materiali e disponibili n diverse misure e forme, adatte anche per piccoli spazi.

Infine bisogna considerare le dimensioni del terrazzo che si hanno a disposizione per creare, dove è possibile, un luogo per rilassarsi o prendere il sole ed un posto, maggiormente al riparo per poter mangiare all’aperto.

ARREDO TERRAZZO: PROTEZIONE DALL’ACQUA 

La prima regola per proteggere il terrazzo dal pericolo di infiltrazioni è quella di garantire un rapido ed efficace deflusso delle acque piovane e delle innaffiature, mentre il secondo requisito fondamentale è la presenza dei bocchettoni di scarico, per convogliare nei pluviali le acque piovane ed evitarne l’accumulo sulla superficie.

Arredo terrazzo tettoiaQuando sono previsti impianti di illuminazione ed irrigazione, l’ideale è avere una centralina elettrica autonoma all’esterno, per scongiurare danni all’appartamento in caso di corti circuiti. Per essere idoneo, il terrazzo deve avere una  buona impermeabilizzazione così da evitare problemi di infiltrazioni ai piani sottostanti ed alle strutture. Nella scelta dei materiali, è bene preferire membrane ecologiche.

ARREDO TERRAZZO: I MOBILI GIUSTI

Su alcuni terrazzi vi è predisposta una tettoia, sotto la quale è possibile organizzare una piccola lavanderia, utilissima, per non occupare dello spazio superfluo all’interno dell’appartamento. La soluzione migliore è quella di mettere un armadio il più possibile capiente e solido che possa servire da ripostiglio. Il consiglio, in questo caso, è di scegliere una tipologia di armadio il più possibile robusto in propilene riciclabile. I modelli più semplici, in questi casi, risultano essere i migliori e soprattutto i più pratici, ad esempio, un armadio a due ante con ripiani interni regolabili che sopportano pesi fino a 45 chilogrammi, dotati anche di appositi vani per le scope. Un armadio in terrazzo, non solo è una soluzione allo spazio ma anche all’igiene e permette di mantenere sempre tutto in ordine, soprattutto all’interno della casa.

ARREDO TERRAZZO: L’ANGOLO BARBECUE

E’ facile organizzare un angolo barbecue nel verde intorno a casa o sul terrazzo: i nuovi modelli, a carbonella o a gas, sempre più  pratici e compatti, si possono utilizzare tutto l’anno. Fissi, facilmente trasportabili su ruote o anche da appoggio, i barbecue sono oggi disponibili in molte versioni per venire incontro alle esigenze pratiche e di spazio di chi ama cucinare all’aperto. Oltre alle dimensioni ed al peso, elemento fondamentale nella scelta è il tipo di alimentazione: a carbonella (talvolta anche a legna) o a gas.

Arredo terrazzo angolo barbecuePremesso che, nei due casi, il risultato finale non cambia per quanto riguarda il sapore e la consistenza dei cibi preparati sulla piastra, occorre però considerare che si tratta di sistemi diversi di cottura. I modelli a carbonella si riscaldano più lentamente, in 20-40 minuti e, a seconda della tipologia del braciere, il calore si mantiene più  o meno al lungo. Quelli a gas possono arrivare a temperatura anche in 5 minuti: sono alimentati con bombole gpl, o in alcuni modelli recenti, si possono collegare direttamente alla rete del gas di casa. Nel barbecue a carbonella, che vengono accesi con apposite pastiglie utili per avviare la combustione, è importante la scelta di un carbone di alta qualità, seguendo i suggerimenti del produttore in tutte le fasi dell’utilizzo.

ARREDO TERRAZZO: CONSIGLI PER RINNOVO

E’ possibile rinnovare il terrazzo trasformando lo spazio aperto della casa, grazie a progetti in grado di rendere il vostro terrazzo molto più vivibile, praticamente un’estensione dell’abitazione immersa nel verde. Tutto senza intaccare la struttura esistente. Lo spazio aperto può essere concepito come un ambiente “oper air” da aggiungere a quelli interni. Potere valutare un progetto in grado di introdurre nuove finiture a bordura di piante lungo il perimetro, ad eccezione del lato di accesso, con fioriere in successione: protetto e schermato, il terrazzo può essere sfruttato anche con una zona pranzo ed un angolo relax. Non dovrebbe poi mancare la presenza dell’acqua ed un sistema di illuminazione che ne permetta l’utilizzo anche nelle ore serali.

Arredo terrazzo con parquet

La pavimentazione può essere sovrapposta ad effetto pietra, quindi pratica e resistente. Se avete un terrazzo in buono stato di conservazione vi sarà consentito di limitare l’intervento a terra al solo rivestimento a terra che può essere sovrapposto a quello esistente evitando così di intaccare la struttura sottostante. Per preservarla ulteriormente, prima della finitura sarà previsto uno strato impermeabilizzante, applicando una specifica malta cementizia elastica. Per quanto riguarda le piastrelle, potete decidere di posare piastrelle in grès porcellanato a tutta massa-specifiche per l’esterno e adatte anche per l’interno- la cui texture tipica è quella dei materiali lapidei ovvero Pietra di Luserna e Ariostea.

ARREDO TERRAZZO: IDEE PER L’INVERNO

Cenare sul terrazzo d’autunno è possibile e anche molto bello, bastano pochi accorgimenti. Potete anche così regalarvi tanti spensierati dopecena, senza uscire di casa. In veranda potete finalmente mettere quel tavolo in più e tirar tardi con gli amici. Sotto al porticato, ad esempio, è possibile creare una veranda, una “stanza all’aperto” alla casa con copertura in legno o vetro e infissi vetrati in ferro o alluminio. Grazie poi all’ottimo grado di isolamento termico garantito, la zona pranzo raddoppia. Le vetrate possono essere costituite anche da pannelli indipendenti le cui ante ruotano di 90 gradi sia all’interno che all’esterno per una perfetta pulizia.

Arredo terrazzo con veranda interna

Per quanto riguarda il buon isolamento termico delle verande ricordiamo che è possibile mantenere una buona temperatura desiderata per tutto l’anno, evitando il surriscaldamento nei mesi caldi o l’eccessivo raffreddamento in inverno. Si possono scegliere diversi tipi di costruzioni differenti, tutte studiate a seconda delle esigenze, delle misure e della struttura dalla casa. Vivere il terrazzo anche nella stagione fredda ed autunnale significa godere di uno spazio maggiore, di una stanza che altrimenti resterebbe non utilizzata. Ma il terrazzo può essere sfruttato anche per altri scopi come per lo spazio hobby oppure per la stanza palestra da arredare con tutti gli attrezzi utili o come giardino d’inverno.

Arredo terrazzo in verde, come scegliere la giusta vegetazione

Se il vostro terrazzo vi sembra monotono e troppo normale, mentre siete alla ricerca di qualcosa di più esotico o di diverso, allora potreste scegliere di utilizzare le piante rampicanti, i fiori ornamentali, dei vasi con piante decorative oppure creare un piccolo orto e aggiungere all’arredo terrazzo del verde. Vedrete che sarà tutta un’altra cosa! Ecco i consigli giusti che vi permetteranno di arredare l’esterno della vostra casa e/o un angolo del vostro terrazzo, in un modo davvero interessante!

Arredo terrazzo: le piante rampicanti

Arredo terrazzo verde con edera

Spesso si decide di dare un tocco di novità all’interno dell’appartamento, apportando qualche modifica all’arredamento. Ma sono poche le volte in cui si decide di fare la stessa cosa in un terrazzo o negli ambienti esterni alla casa che spesso vengono un po’ messi da parte. In questo caso, abbiamo deciso di consigliarvi come utilizzare le piante rampicanti per l’arredo terrazzo, perché, anche se non subito, conferiranno davvero un effetto molto particolare ed elegante al vostro balcone, piccolo o grande che sia. Inoltre, con questa soluzione, non avrete bisogno di riempire tutto l’ambiente di vasi perché, anche una sola pianta, riuscirà a creare davvero molto di più di quello che potreste aspettarvi.

Anche se non disponete di tanto spazio è comunque possibile, creare un “mini” orto rampicante anche in un semplice vaso che potrai posizionare sul davanzale oppure un po’ più all’interno. Infatti, essendo una pianta che si sviluppa in verticale, è comunque un ottima soluzione, soprattutto per chi non ha un terrazzo grande come vorrebbe.

Inoltre, potrete decidere se abbinarli ad un tutore adatto, in metallo o in legno, o lasciare che le vostre piante rampicanti crescano libere.  La scelta migliore sarebbe optare per reti, in modo tale che la pianta non rovini il muro e che, nonostante tutto creino comunque un effetto molto naturale. Potreste scegliere in base ai vostri gusti e piantare una vite canadese oppure l’edera, o anche altre piante che si sviluppano in verticale ma che non invadono troppo l’ambiente.

arredo terrazzo con vite canadese

Vedrete che non si tratterà solo di un modo per cambiare il vostro terrazzo ma anche per abbellirlo e decorarlo al meglio ed in modo originale. Ad ogni modo sappiate che le piante rampicanti si adattano perfettamente all’ambiente circostante e quindi variano in base alle misure dello spazio che hanno intorno e che è per loro utile per espandersi.  In più sappiate che crescono abbastanza rapidamente e, crescendo, potranno anche fare da tenda se le posizioni accanto alla porta-finestra! Naturalmente anche loro hanno bisogno di attenzioni. Infatti, soprattutto durante i periodi più caldi dell’anno, come molte altre piante, hanno bisogno di essere costantemente tenute sotto controllo e dovrebbero stare più fresche possibili. Infatti, se avete già prenotato per le vacanze, il consiglio è quello di munirvi di un impianto apposito che possa mantenerle sempre innaffiate a dovere, rilasciando l’acqua ritmicamente. Per il resto, non si tratta di piante impegnative da seguire e/o da curare, quindi sarà facile anche se non hai il cosiddetto pollice verde o se non hai molto tempo e/o pazienza.

Se quindi il vostro terrazzo ha bisogno di novità e cambiamenti, potresti tranquillamente optare per delle belle piante rampicanti che lo possano avvolgere nel tempo creando un effetto magnifico e degno di uno sguardo! Così avrai davvero degli esterni affascinanti… oltre che gli interni!

Arredo terrazzo: piante aromatiche e fiori decorativi

Potremmo dire “viva il verde” per vivere in un ambiente più bello, ma soprattutto più sano, più armonioso, ed è per questo che non possono mancare le piante: d’appartamento, da giardino o da balcone; verdi, fiorite, od aromatiche, in grado di cambiare la qualità della nostra vita. In un appartamento, terrazzo o balcone, le piante svolgono l’importante funzione di mantenere un dialogo costante con l’esterno, soprattutto per chi vive in città. In effetti, lo scambio continuo tra l’oasi verde di una terrazza rigogliosa ed il paesaggio esterno dominato dall’asfalto, crea un’atmosfera piacevole e rilassante tutta da vivere.

Arredo terrazzo piante decorativeAnche se non si dispone di un terrazzo, è sufficiente un balcone od un piccolo giardino per creare un gradevole spazio esterno che dia ossigeno alla casa. Se arredato con piante ed accessori adeguati alle attività che vi si intende svolgere, questo spazio esterno può avere anche una funzione. Nella bella stagione, non esiste nulla di più piacevole che pranzare e chiacchierare con amici e parenti un un’oasi verde. Per ripararsi dal sole la soluzione migliore è un bel pergolato che crea un’atmosfera quasi magica. Se si vuole isolarsi dai vicini o dai passanti, la protezione più efficace è offerta da una siepe sempre verde.

Arredo terrazzo: consigli potatura e giardinaggio

Il terrazzo non può più aspettare: non soltanto perché le prime giornata di sole risvegliano la voglia di viverlo, ma perché è questo il momento giusto per prendersi cura delle piante o pensare a nuovi acquisti. Anche se questo, come abbiamo detto, è il momento giusto per dedicarsi al terrazzo, dobbiamo comunque fare attenzione al clima, anche se molto dipende dalle zone. In aprile possono ancora arrivare giornate molto fredde e non è il caso di stimolare le piante al risveglio se poi arriva una gelata. Lo stesso vale per piante nuove: se passano da una condizione protetta (serra o vivaio) all’aria aperta, non devono subire choc. Già lo spostamento è comunque un trauma: aspettate il momento giusto perché lo sbalzo di temperatura non sia eccessivo. Per quanto riguarda il terrazzo, per prima cosa serve controllare lo stato di salute delle piante. Se qualcuna vi sembra in gran parte secca o addirittura morta, datele ancora una chance! Aspettate un mese o due: è sempre possibile che le cure giuste si riprenda. Nel giardinaggio la fretta è sempre una cattiva consigliera. Questo inoltre è anche il periodo adatto per eliminare rami e rametti secchi per la posatura, che si fa sia per motivi estetici, appunto per fare ordine, sia per stimolare la ripresa della pianta e darle aria.

arredo terrazzo colori vivaci

La potatura è l’occasione per un controllo più mirato: tagliando rami o rametti di cespugli e rampicanti, è facile capire se sono del tutto secchi o se al loro interno hanno una parte verde, e allora significa che la pianta è viva. Potete provare a spezzare un rametto con le mani: se l’operazione riesce facilmente, allora è senza dubbio secco. Dopo l’esperimento, comunque, la potatura va fatta con uno strumento adatto: una cesoia (una robusta forbice) ben affilata, per tranciare il rametto di netto. E’ bene tagliare un po’ di sbieco. Dopo un primo taglio, se è necessario, accorciate ancora per eliminare tutte le parti secche, fino a trovare legno vivo. Tagliate sempre un paio di centimetri sopra un “nodo”: la parte dalla quale spunterà una gemma. Così se parte del rametto dovesse marcire, il problema non arriverà a compromettere la nuova gemma.

Il terrazzo è un luogo della casa che aumenta enormemente il valore dell’abitazione e la qualità di vita di chi vi soggiorna, soprattutto durante la bella stagione. Arredare il terrazzo è una questione non solo di gusto, ma anche e soprattutto di praticità, perché i materiali devono essere fatti per resistere alle intemperie.

Un terrazzo può avere le forme e le dimensioni più svariate, però costituisce sempre la cosa più simile ad un giardino urbano.

Comunemente i terrazzi cittadini sono esclusivo appannaggio dei piani alti delle case , e si trovano di frequente anche in case di costruzione non recentissima. Arredare un terrazzo con le piante è una scelta quasi obbligata e oltre a essere visivamente gradevole, è anche una possibilità utile. Le piante infatti possono proteggere la privacy dagli sguardi indiscreti e proteggere anche dal vento.

Arredo terrazzo: vegetazione consigliata

arredo terrazzo con vasi

Quali piante preferire per arredare il nostro terrazzo non è solo una scelta di tipo estetico , ma deve essere anche una scelta funzionale al tipo di terrazzo che possediamo e ai compiti che le piante svolgeranno per noi.  Per un terrazzo cittadino, e più specificamente un terrazzo ubicato in una zona trafficata esistono delle piante in grado di essere più resistenti alla piaga dell’inquinamento, ad esempio l’agrifoglio, corpus sanguinea, ibisco, lillà. Esistono poi delle piante che non temono il freddo, accogliendo sulle loro foglie sempreverdi anche la neve, oppure piante che mantengono la fioritura per molti mesi o che fioriscono più volte durante l’anno. Scegliere piante di questo genere, sempre tenendo conto dell’esposizione che ha il vostro terrazzo e di quella di cui necessitano appunto tali piante, permette di tenere arredato lo spazio esterno con il verde e i colori dei fiori quasi tutto l’anno.

La natura ha pensato anche alla privacy, infatti esistono alcune piante che per il loro fogliame fitto e per la caratteristica di essere sempreverdi, permettono di coprire il vostro terrazzo dalla vista dei vicini. Le camelie hanno fogliame sempreverde ed hanno la caratterista di svilupparsi in altezza, come i bambù. Inoltre le camelie esistono in due versioni: con fioritura in autunno e con fioritura in primavera. Le versioni mini da vaso delle conifere, sono una soluzione molto affascinante per avere sul terrazzo piante sempreverdi: pini, abeti, cedri, danno colore anche all’inverno.

arredo terrazzo mobili e piante

La tuia gigante è una conifera sempreverde adatta per realizzare siepi schermanti, in quanto sopporta la potatura. Altro aspetto da non sottovalutare, è la profumazione dell’ambiente giardino, sempre attraverso l’utilizzo di piante adatte a questa funzione.

Per diffondere gradevoli fragranze si possono impiegare piante di odori come il rosmarino, basilico che svolgono una doppia funzione, servono in cucina e profumano il terrazzo. Il rosmarino, oltre a diffondere quel suo caratteristico profumo, fiorisce in azzurro due volte l’anno, in primavera e in autunno. Per i giardini o gli spazi esterni in stile geometrico, è necessario che le piante e i fiori si armonizzino con le linee; mentre invece in quelli irregolari nelle forme e nel perimetro, si darà tono con una vegetazione opportunamente disposta  a macchie di colore; infine in quelli rustici si potrà far crescere le piante in modo spontaneo.

Arredo terrazzo: l’orto botanico

Fagioli, lenticchie, ceci, fave, piselli, sono gustosi e buoni per la salute, in più sono coltivabili sul terrazzo o balcone di casa come originale alternativa alle solite piante ornamentali. Sicuramente non sarà una raccolta eccezionale quella che si potrà fare coltivando legumi sul balcone o sul terrazzo ma l’esperienza sarà senz’altro originale. Si vedranno crescere le pianticelle a vista d’occhio, si potrà soddisfare l’occhio alla vista dei fiori così leggeri, ed infine, si avrà la soddisfazione di portare sulla tavola un piatto salutare.

arredo terrazzo orto botanicoLe leguminose sono una presenza irrinunciabile dell’ orto domestico. Infatti, oltre a fornire i preziosi baccelli, ospitano in simbiosi con le loro radici, dei batteri particolari, i Bacterium radicicola, capaci di fissare l’azoto nell’aria e di rilasciarlo nel terreno. Così arricchiscono il suolo di un elemento importante per lo sviluppo delle piante che saranno coltivante nelle stessa parcella, la stagione successiva. Al momento dell’acquisto di una bustina di semi di legumi, vi è solo l’imbarazzo della scelta perché sono davvero tante le varietà a disposizione. Ad esempio, i piselli rustici sono quelli che si seminano in autunno e maturano in primavera, adesso invece si seminano i piselli rugosi. Si può scegliere fra le qualità nane che crescono a tappeto, le “mezza rama” o le rampicanti.

Sistemare Casa
×