Camino Bioetanolo: Guida al Riscaldamento Bio

Il camino bioetanolo diviene una soluzione di riscaldamento ecologica e innovativa, nonché di risparmio intelligente! 

Questa guida vi aiuterà a scoprire tutte le caratteristiche del camino bioetanolo per un acquisto ad hoc!

Il camino bioetanolo non produce né fumo, né cenere ed in più regola un’atmosfera intima.

Si tratta, infatti, di focolari ecologici, da sistemare a parete o a centro stanza. Non solo esteticamente belli e funzionali: i modelli di camino bioetanolo più avanzati aiutano pure a mantenere il giusto grado di umidità nella casa.

Grazie al combustibile atossico, la canna fumaria non è necessaria, ecco quindi che diventa possibile spostarli da un angolo all’altro. Designer ed architetti li amano da tempo, mentre il grande pubblico li ha scoperti da poco ma dimostra di apprezzarli molto per la grande facilità di inserimento in qualsiasi ambiente e l’apporto estetico che ne deriva: sono i biocamni, la moderna evoluzione del classico caminetto che non ha bisogno di canna fumaria per funzionare.

Questi bracieri di ultima generazione, infatti, utilizzano il bioetanolo, un combustibile atossico inodore che non lascia particelle sospese nell’aria e pertanto non va smaltito all’esterno. In commercio se ne trovano ormai di ogni tipo: da parete, da pavimento, inseriti dentro mensole o tavolini, da esterno, ecc. A seconda della capienza del bruciatore, l’autonomia varia da un minimo di 2 a un massimo di 6/8 ore.

Camino bioetanolo

Sono davvero tanti i modelli a disposizione, dall’unione dell’acciaio e del vetro temperato nascono i migliori modelli design, dal look decisamente accattivante, facile da installare e spostare.

Possibilità anche di regolare la fiamma di calore. Esistono soluzioni anche per i piccoli ingressi come il caminetto elettrico che può essere installato ovunque perché appunto non necessita di canna fumaria.

L’atmosfera magica e romantica data dal fuoco è creata dall’effetto fiamma di due lampadine da 25 W. La simulazione della legna che arde è indipendente dal sistema di riscaldamento che quindi può essere ammirata anche a caminetto spento.

Quando poi la “fantasia fa scintille”, ecco che si va alla ricerca degli accessori fuori dal comune. In effetti anche gli accessori sono importanti per creare la giusta atmosfera. Esistono infatti oggetti utili ed ironici, per fare subito festa in allegria. Un esempio il porta-ceppi, in morbido silicone che porta una ventata di novità intorno al camino. Oppure la cassetta in legno, fornita di pratiche rotelle, utile per riporre gli attrezzi o la legna. Grazie a questi accessori è possibile di fronte al camino momenti davvero unici.

Il camino bioetanolo è la nuova tendenza di arredo diffusasi in tutta Europa. Non si tratta infatti semplicemente di un camino decorativo ma possiede, al suo interno, l’effetto di una fiamma vera senza i legami dell’installazione di una canna fumaria, niente fumo, ceneri e fuliggine lo rendono un complemento di arredo versatile e ricercato che completa e valorizza col fascino del fuoco ogni tipo di ambiente.

Il camino bioetanolo sfrutta un sistema di riscaldamento ecologico per cui non occorrono complicate installazioni. 

Camino bioetanolo piccolo

Queste sono, in generale, le promesse dei sistemi di riscaldamento a bioetanolo che però, come tutti i sistemi alternativi ed ecologici devono essere conosciuti bene per essere sfruttati al meglio!

Qui vi lasceremo dei preziosi consigli affinché la scelta di un camino a combustione del bioetanolo sia ragionata e venga portata avanti con l’intenzione di risparmiare ma anche di fare del bene all’ambiente.

Camino bioetanolo: combustibile alternativo

Il bioetanolo, si ottiene dalla fermentazione di amidi e zuccheri, ma sono allo studio, e l’Italia in questo campo è all’avanguardia, sistemi di produzione di bioetanolo da lignina che consentiranno di ottenerlo da colture no food e coltivate su terreni marginali.

Uno studio di Bloomberg, inoltre, ha evidenziato che in questo campo le potenzialità dell’Italia sono grandi.

Camino bioetanolo soggiorno

La coltivazione di varietà vegetali non alimentari e ricche di lignina su tutti i terreni marginali della penisola consentirebbe, infatti, di sostituire con il bioetanolo tutta la benzina utilizzata nel settore dei trasporti.

Essendo di produzione vegetale la combustione del bioetanolo è neutra sul fronte dell’emissione di CO2 anche se bisogna considerare le emissioni climalteranti legate al ciclo di produzione e alla logistica.

In linea di massima utilizzando l’etanolo si abbassano le emissioni di anidride carbonica nell’aria.

Camino bioetanolo: Perché sceglierlo?

Un carburante con queste caratteristiche ha attirato l’attenzione dei fabbricanti che hanno realizzato tutta una serie di sistemi di riscaldamento che lo utilizzano anche in virtù di una sua effettiva praticità sul campo.

I sistemi a bioetanolo, infatti, non necessitano di canne fumarie o altra impiantistica fissa poiché la sua combustione produce una bassa percentuale di anidride carbonica e di vapore acqueo, mentre altri inquinanti sono molto al di sotto della soglia di pericolo.

A patto, naturalmente d’utilizzare combustibili di qualità. Chiariamo subito che si tratta di sistemi che con queste caratteristiche difficilmente sono in grado di soddisfare le esigenze quotidiane di riscaldamento di un intero appartamento, ma si propongono come soluzione flessibile per la climatizzazione invernale, o l’arredamento, di un singolo locale, anche di medie dimensioni.

Camino bioetanolo design

E il fatto che non ci sia canna fumaria non è da sottovalutare anche per quanto riguarda il rendimento, visto che l’assenza di questo dispositivo rende disponibile il 100% del calore prodotto dalla combustione all’ambiente da riscaldare.

Camino bioetanolo: sistemi di riscaldamento

Per quanto riguarda le tipologie di dispositivi si va dai piccoli camini che si appendono a parete, con funzioni per lo più decorative, alle stufe vere e proprie che possiedono spesso anche sistemi di gestione elettronici, come accensione-spegnimento programmati e termoregolazione. Esistono anche alcune stufe, di potenza e prezzi superiori che consentono l’allaccio all’impianto esistente dei radiatori e che a tutti gli effetti sostituiscono una caldaia, per il riscaldamento, a gas naturale.

Camino bioetanolo da parete

Le stufe che vanno al di là dei sistemi d’arredo sono dotate anche di ventilazione, per ottimizzare la diffusione del calore e di un sistema anti-ribaltamento, indispensabile per la sicurezza poiché si tratta di dispositivi che utilizzano carburante liquido. Spesso sono dotate, infine, di sistema di diffusione d’essenze per gli ambienti.

Camino bioetanolo: consumi

I consumi dei dispositivi per il riscaldamento a bioetanolo dipendono, ovviamente, dalla potenza stessa e dalla capacità di gestione della combustione che sempre più spesso, negli apparecchi di fascia medio-alta è gestita tramite sistemi elettronici in grado di ottimizzare la combustione. Utile anche la presenza di una pompa per il travaso del carburante.

Per quanto riguarda i costi del bioetanolo in Italia siamo a una cifra che oscilla tra i 2,4 e i 4,6 euro per litro, a seconda delle quantità ai quali in alcuni casi deve essere aggiunto il prezzo del trasporto, che è molto variabile a seconda della zona e che deve essere fatto a norma di legge e in sicurezza.

La spedizione di quantità superiori ai 50 litri di bioetanolo deve essere fatta con il DAS (Documento accompagnamento semplificato) e da un vettore che abbia la licenza ADR per il trasporto di merci pericolose.

Sempre in tema di carburante bisogna tenere presente che nelle stufe a bioetanolo non deve essere utilizzato il normale alcool denaturato, quello che si acquista al supermercato che non è adatto a questo tipo di combustione, ma solo il bioetanolo denaturato.

La combustione del bioetanolo è inodore, ragione per la quale nel caso si percepisca qualcosa è il caso di cambiare fornitore, in quanto il combustibile non raggiunge il grado di purezza richiesto. Le precauzioni necessarie all’acquisto, a meno che non si scelga il bioetanolo per una questione d’arredamento, sono quindi: la necessità termica specifica in relazione alle dimensioni dei locali, l’efficienza, il rendimento e la potenza della stufa e il prezzo “finito” del bioetanolo.

Tutti fattori da tenere in considerazione per non vanificare l’acquisto.

Camino bioetanolo: gestione degli spazi

Questi fantastici caminetti biologici e rispettosi dell’ambiente possono essere posizionati dovunque vogliate, senza bisogno di opere murarie.

Camino bioetanolo quadro

In commercio sono presenti camini a bioetanolo da terra, da tavolo o biocamini da parete, che si appendono semplicemente come dei quadri.

Il bioetanolo non crea scintille e non emette fumo quindi posizionate il vostro caminetto dove preferite e rinnovate la vostra casa con un tocco di design.

Come per il camino tradizionale, anche il camino bioetanolo presenta un design moderno e delle linee accattivanti che fondono l’armonia decorativa di una cornice all’atmosfera calda del fuoco.

Inoltre, i modelli di camino bioetanolo presenti in commercio sono facili da fissare e da rimuovere.

Camino bioetanolo da tavolo

Un modello innovativo che ha attirato la nostra attenzione è il biocamino da tavolo! Si tratta di biocamini di dimensioni contenute con una linea accattivante e sfiziosa da posizionare sulle superfici di casa, in ufficio, in negozio. È, inoltre, un’ottima e originale idea regalo!

L’azienda BioKamino ha pensato di rendere il camino a bioetanolo un vero e proprio accessorio d’arredo progettando dei mini-camini biologici da tavolo. Si tratta di biocamini da appoggio dal design raffinato, costruiti con cura nei dettagli che garantiscono massima sicurezza nell’uso. Sono modelli solidi e costruiti per durare nel tempo, utilizzabili in qualsiasi ambiente.

Le dimensioni sono all’incirca 40x25x25cm, se entrate nel sito dell’azienda produttrice, Biokamini, potrete scegliere la dimensione e il modello che più vi aggrada.

Si tratta di accessori simpatici e davvero sfiziosi. Immaginate il vostro bioKamino da tavolo che dona il piacere di una fiamma viva e calda in ogni ambiente, posizionabile su qualsiasi superficie piana, tavolo, mensola o mobile. Inoltre è ecologico, non emette odori e fuliggine e rispetta l’ambiente. Il bruciatore di sicurezza bioKamino, anche in caso di rovesciamento il bioetanolo, rimane confinato all’interno per la massima sicurezza della casa e della famiglia.

Camino bioetanolo da tavolo

Il Biokamino, conferirà un tocco geometrico ai vostri ambienti e accenderà le serate in discreto silenzio, donando alla cena o al dopocena una luce calda e rilassante, è sufficiente spegnere la tv e accendere l’atmosfera. Se scegliete di posizionarlo a centro tavola per una serata romantica o conviviale tra amici con l’accessorio Pioda si lo trasformerete in un oggetto divertente per grigliare verdure e spiedini.

Sistemare Casa
×