Rivestimento bagno con materiali naturali

Il bagno lo si può definire un ambiente intimo e personale. Per il rivestimento bagno, oltre a servirsi di materiali comunemente conosciuti, si ha la possibilità di impiegare nuovi materiali di tendenza.

Nell’interior design di nuova generazione materiali alternativi, in particolar modo le pietre naturali e le resine di ogni tipologia e colore. scopriamo nei dettagli perché scegliere un materiale naturale e quale scelta, tra le resine e le pietre naturali conviene per un rivestimento bagno di tendenza.

Rivestimento bagno: la pietra naturale

La pietra viene considerata la forza della natura nell’ambito del rivestimento bagno, ed è per questa ragione che oggi viene scelta spesso negli arredi. Esistono anche le ante in pietra le quali sono caratterizzate da un ‘ottimo rapporto qualità-prezzo, alcune anche in laminato, dove si ritrovano le essenze quali rovere, bianco, corteccia, sabbia, mogano,ecc. E riportano anche l’effetto del taglio, mentre i colori neutri, come ad esempio, il bianco insieme al canapa possono avere anche una finitura seta. Oggi emerge infatti sempre più un particolare molto interessante, ovvero, la ricerca della materialità la quale rende speciale la pietra, che può essere accostata da quarzo e da un particolare laminato.

Rivestimento bagno in pietra naturale

La pietra d’Assisi, per esempiorisulta essere l’elemento forse di maggiore impatto, soprattutto se a basso contenuto di formaldeide. Ogni rivestimento può essere eseguito in base ad elementi anche sagomati secondo le esigenze del cliente mentre le fughe si possono realizzare con fugante in polvere a base cementizia trattato con un prodotto le le rende impermeabili ed idoneo a norma di legge, soprattutto per il normale utilizzo in cucina. Se la scelta ricade sull’agglomerato di quarzo, è bene sapere che certe lastre possono presentare una superficie lucida oppure con finitura a spacco mentre l’effetto seta, è decisamente gradevole al tatto, usato specialmente per le ante.

La pietra naturale per eccellenza rappresenta un  materiale da rivestimento bagno, elegante e resistente allo stesso momento. La novità del rivestimento bagno è quella di coniugare la bellezza della pietra con la tecnologia d’avanguardia per giungere ad una incisione realizzata a laser. Le nuove ed esclusive tecniche di incisione sono riuscite ad ottenere decori ad alta definizione ottenute su di un materiale naturale. La creatività e la continua ricerca dello stupire permette di realizzare soluzioni alternative e funzionali che vanno vestire le nostre abitazioni. Il tutto avviene attraverso una perfetta sintesi fra ricerca estetica, stilistica e utilizzo di materiali di alta qualità materica. Il prodotto per eccellenza realizzato con incisione a laser è il mosaico, ogni tessera del insieme entra a far parte di un contesto, di un disegno sviluppato ad alta definizione.

Le pietre naturali rappresentano i primi materiali da costruzione usati nella storia avendo caratteristiche chimico-fisico di resistenza , compattezza e durezza che li rendono intramontabili.

Questo materiale ha caratteristiche ignifughe, igieniche, atossiche e per antonomasia biocompatibili essendo costituito da terra. Da sempre l’impiego di questo tipo di rivestimento esalta il senso estetico conferendo un gusto pregiato e ricercato alle abitazioni. Il mercato mette a disposizione una serie di soluzioni per pavimenti e  rivestimenti impiegati sia per l’interno e per gli esterni, i quali non necessitano di manutenzione, fungendo da  isolanti termici aumentando il confort interno.

Rivestimento bagno Multipietra Dolmen

I pannelli di rivestimento Dolmen riproducono fedelmente le antiche murature, le quali derivano da modelli in pietra naturale e creano effetti realistici come scabrosità, erosioni, bocciardature, granulosità delle malte, ecc. La colorazione viene rifinita a mano con l’uso di ossidi metallici che mettono in risalto i rilievi.

Rivestimento bagno Multiprietra dolmen

I chiaroscuri sono la caratterista a forte effetto che risalta l’antico ed il vissuto, questo viene messo in evidenza anche dagli ossidi metallici che sono resistenti ai raggi U.V. Inoltre, perfetta è la modularità del sistema ad incastro che permette un semplice ritocco alle giunzioni per un lavoro davvero ad affetto.

L’Azienda Dolmen offre prodotti a marchio Multipietra sia per soluzioni di esterni sia per interni per rivestire ogni genere di parete. I prodotti Dolmen riproducono fedelmente spaccati di vita, antichi mattoni fatti a mano, ciottoli di fiume e lastra per pavimenti. Tutte le pietre hanno uno spessore limitato e sono molto leggere. La pietra inoltre rende un ambiente unico, prezioso, ne valorizza tutti gli aspetti e soprattutto dona atmosfera e calore. Basta un tocco di fantasia infatti per creare e personalizzare i propri decori ed accostare ad essi qualsiasi tipologia di forma.

Un altro materiale leader dell’Azienda Dolmer è il grès fine porcellanato in genere molto usato anche per il rivestimento bagno; l’Azienda infatti è conosciuta per le iniziative di carattere urbanistico, ideali per tutte le ristrutturazioni di complessi rustici, per pavimenti e rivestimenti che richiedono estrema duttilità architettonica. Dolmen dispone sia di diversi formati e di una vasta gamma di colori, ed è così che sul modello del porfido antico, la linea riconosce nel grès porcellanato il risultato più innovativo, vanto dell’Azienda. Le superfici, di rivestimenti ed esterne, rivestite appunto con Dolmen hanno la puculiarità e la caratteristica di mantenere inalterato il colore nel tempo, presentano inoltre l’importante caratterista antiscivolo e sono dotate della massima resistenza ad urti e abrasioni, e di una assoluta resistenza al gelo.

La serie Dolmen è disponibile nei colori: porfido bianco, porfido beige, porfido rosa, porfido rosso, e porfido grigio. I minimali della serie sono disponibili in 10 formati modulari, di cui 5 formati standard e 5 formati speciali di cui: gradone, battiscopa, battiscopa sagomato, angolo. Rivestire con Dolmen significa appunto rivestire con cura e metodo, passione al fine di creare tutta l’atmosfera rustica o moderna che ci permette di vivere in sintonia con l’ambiente progettato apposta per noi.

Gli esterni hanno un valore unico, solo guardando l’esterno di una abitazione, la cura, i dettagli, spesso si può capire il carattere di coloro che vi abitano. Originale e di grande impatto visivo sono gli esterni in pietra colorata, siano essi l’eleganza del marmo, del granito e delle pietre che riportano caratteristiche inequivocabili di grande pregio.

Rivestimenti bagno dolmen

Alcune rifiniture possono anche essere riproposte e riportate all’interno creando delle vere e proprie pareti in stili differenti. In questo caso diventa impossibile non notare la bellezza e l’emozione quasi primordiale che la pietra crea. Un gesto sempre raffinato che si adatta ad ogni ambiente soprattutto quando accompagnato dalla giusta illuminazione e dal gioco esaustivo di luci ed ombre.

Rivestimento bagno Rastone Pietra

Rastone Pietra si avvale di uno speciale cemento chiamato portland misto ad argilla refrattaria e pigmenti di ossido di ferro in grado di caratterizzare l’essenza del marchio. I colori sono naturali, di alta qualità e soprattutto permettono una posa semplice e veloce. Rastone Pietra è anche mosaico come la serie “Mosaico Akdo” creata per il rivestimento bagno, sia a parete, sia per pavimento.

Rivestimenti bagno rastone pietra

Effetti “magici” di grande impatto visivo, sempre colori neutri, che regalano composizioni spettacolari, vivaci o più consone alla tradizione. Ideale per ambienti classici o soluzioni moderne, anche la scelta due colori, pavimenti o marmi graniti, davvero gradevole ed accogliente anche carica di sensazioni emotive. La linea “Trake”, in travertino è molto usata anch’essa per i rivestimenti dei bagni ma anche per camere e zona living, infatti Rastone Pietra pensa a tutta la casa, compresi gli esterni come porticati e verande, tutto in un’unico stile Rastone Pietra.

Rivestimento bagno: le resine

Altro materiale altrettanto interessante come rivestimento bagno si rivelano le resine. In origine erano i pavimenti “poveri” degli stabilimenti industriali, poi, di pari passo con la trasformazione di questi ultimi in abitazioni, le resine sono diventate un must fra i materiali da rivestimento. Non più solo a terra, ma anche per ricoprire le pareti e persino per cambiare look a mobili e complementi d’arredo. Adatte per interni ed esterni, di pregi ne hanno davvero tanti: dalla versatilità di impiego alla possibilità di personalizzare l’estetica grazie ad una gamma praticamente infinita di colori ed effetti decorativi.

Rivestimento bagno con resinePer quanto riguarda le applicazioni, la resina risulta essere resistente all’usura, impermeabile, di facile manutenzione. Offre inoltre un infinito vantaggio ed è quello che le resine si possono stendere su pavimenti già esistenti senza dover modificare l’altezza delle porte, grazie allo spessore ridotto di circa 2-4 millimetri. Le resine si presentano sotto forma di un manto continuo in grado di nascondere ed appianare le fughe tra le piastrelle così da ottenere superfici omogenee: sono dunque ideali per uniformare pavimenti differenti e dare un senso di maggiore continuità agli ambienti. Si prestano anche alla realizzazione di finiture a parete e, usando particolari effetti decorativi, possono creare punti di attenzione, ad esempio quinte, nicchie e volumi sporgenti per un effetto decisamente irresistibile. Le resine sono prodotti polimerici che consentono di ottenere sinteticamente caratteristiche chimico/ fisiche simili a quelle della pietra, cemento, ceramica e vetro.

Il rivestimento bagno in resina porta alla creazione di un mondo cromatico uniforme, tecnicamente la resina è idonea ad accogliere la presenza di acqua e umidità. Le resine si presentano strettamente personalizzabili esprimendo spesso contrasti formali forti, impronte di colore e immagini evocative facendo divenire il bagno un contenitore artistico. L’impiego di questo materiale a livello estetico dona una sensazione di spazialità in quanto la stessa tonalità sia a parete che a pavimento senza nessun cambio di materiale crea la sensazione di smaterializzazione dell’interior, tendendo ad ingrandire lo spazio.

La scelta della tonalità è importante, in quanto i toni chiari se non posati bene posso avere un cattivo risultato dando l’impressione di una parte non terminata, il toni scuri si o colorati presentano un risultato omogeneo nella posa in opera.

Rivestimento bagno in resina design elegante

La perdita della spazialità interna ci porta all’utilizzo di un materiale nato per l’industri e successivamente diventato moda per l’interior design. La resina offre all’ambiente una sensazione moderna esteticamente ricercata e tecnologicamente avanzata. L’utilizzo di questo materiale nasce inizialmente per la posa dei pavimenti industriali, in quanto possiede caratteristiche di resistenza l’usura non conosce fughe e presenta una superficie uniforme sia a pavimento che a rivestimento a parete. Non filtra acqua perché ha una superficie uniforme, per i suoi vari modi di applicazione può essere impiegata per qualsiasi tipo di ambiente. la sperimentazione e la messa a punto di materiali di nuova formulazione come le resine, con caratteristiche di resistenza alla rottura, resistenza al calore agli shock termici hanno portato all’introduzione sul mercato di quei complementi d’arredo necessari per la fruibilità del bagno. Quindi, avremo una linea d’accessori bagno come lavabi in resina, la vasca trasparente , questi pezzi di design vengono realizzati in resina poliestere, resina acrilica e additivi che ne danno la colorazione e la trasparenza, le vasche vengono prodotte in un unico stampo ed un’unica colata.

Non c’è limite alle possibilità che la resina offre, le nostre mani, il nostro gusto possono solo attingere da essa i limiti si dissolvono. Pochi materiali al mondo come le resine per interni permettono di realizzare superfici cosi diverse. Ovviamente la nuova tecnologia a livello economico si presenta maggiorata rispetto ad un rivestimento medio, il costo è condizionato dalla manodopera rendendo l’impiego delle resine per superfici inferiori ai 50 mq. La posa viene effettuata da specialisti del settore, avviene minimo in 6-7 giorni attraverso un procedimento particolare e minuzioso.

La resina è, quindi, un’interessante alternativa ai classici rivestimenti, meglio se posata sulla vecchia superficie da un professionista. Non è affatto da sottovalutare infatti il fatto di poter spalmare la resina sui pavimenti esistenti, adeguatamente preparati: evitare la demolizione del vecchio è un notevole risparmio di costi e di polvere per tutta la casa! Nei vecchi appartamenti si può anche decidere di coprire le vecchie cementine in cucina, e la graniglia in corridoio perché molto ammalorate, recuperando invece i parquet originali posati a spina di pesce. Ecco come procedere in quattro fasi dettagliate.

Rivestimento bagno in resina colorataFase 1

Preparazione preliminare: sui pavimenti esistenti, che faranno da supporto, si procede per gradi. Prima di tutto sono necessari una leggera abrasione e una pulizia a fondo.Nel caso in cui vengano fatti lavori di ristrutturazione, fra cui possibilmente anche la demolizione di pareti interne e gli allargamenti di vani porta, risultano parti senza pavimento che sono state ripristinate o possono esserlo, con prodotti specifici come l’agglomerato di quarzo e resina epossidica per sottofondi.

Fase 2

L’importanza della rete: a questo punto la corretta applicazione di una rete in fibra di vetro su tutte le superfici da trattare con la resina epossidica, evita eventuali crepe e rende la superficie continua e permette l’unione tra i vecchi pavimenti da coprire e quelli in parquet laminati e lucidati, senza utilizzare le normali bacchette di ottone o acciaio.

Fase 3

Vari strati di stucco e decorazione: si applicano a spatola 3 o 4 strati di stucco resistente. Ogni strato deve asciugare perfettamente e poi essere carteggiato.Ottenuta una superficie perfettamente liscia (e solo un artigiano qualificato sa come rendere complanari i dislivelli di quote con i vari pavimenti) si colora e decora.

Fase 4

Infine sono necessarie almeno 3 mani di resina trasparente satinata. Anche in questo caso, ogni strato va fatto asciugare perfettamente prima di stendere il successivo. Lo spessore totale a fine lavoro varia tra 3 e 4 millimetri, secondo com’era la superficie esistente. I tempi di lavorazione sono di circa una settimana, proprio per rispettare i tempi di asciugatura dei vari strati e quindi di percorribilità delle nuove superfici. Per avere un’idea dei costi basti pensare che si può spendere circa 85 euro al mq, compresi materiali, posa ed eventuali ritocchi dopo il trasloco.

Rivestimento bagno in resina esempio posaRivestimento bagno: il granito

Il granito in bagno rende l’ambiente carico di stile e dona profonde emozioni. Usato sia per i pavimenti che per i rivestimenti è una soluzione per tutti coloro che amano l’esclusività  e la qualità di un prodotto unico e durevole nel tempo. E’ anche possibile in questo modo personalizzare il proprio bagno grazie ad uno stile artigianale ed artistico. Si possono anche realizzare i rivestimenti di piatti doccia, oppure creare mensole o piatti doccia ma anche top in granito su misure ad abbinare ai vostri mobili del bagno. I topo possono essere lavorati artigianalmente quindi potete scegliere la forma (anche design), la misura, ed il colore del granito. Si possono creare angoli interessanti, rivestire nicchie, o rivestire una sola parte dell’ambiente del bagno, come ad esempio l’interno doccia, in modo che l’acqua scorri via più velocemente. Ricordiamo infatti che il granito è facile da pulire e da tenere pulito. Ma ancora, potete decidere di rivestire in granito la vasca da bagno con lo stesso colore delle piastrelle del pavimento o con un granito di colore diverso per creare un ambiente molto caratteristico e suggestivo che richiama tutta l’intimità del bagno. E’ possibile creare anche rivestimenti in mosaico e creare il vostro ambiente corico di emozioni giocando sul concetto visivo e sensoriale di luce ed ombre.

Rivestimento bagno: l’ardesia

L’ardesia è conosciuta anche con il nome di Pietra di Lavagna, è molto usata per il rivestimento dei bagni perché si tratta di un materiale impermeabile e anti-sdrucciolo. Presenta un colore caratteristico leggermente scuro che permette piacevoli sfumature in grado di far realizzare giochi cromatici più accentuati in riferimento alle rifiniture. L’ardesia è un materiale ecologico estremamente duttile, ed è anche un materiale di decoro, può essere usata e concepita anche con questo scopo, ovvero, quello di realizzare qualcosa di unico grazie anche all’aiuto di studi design. Caratteristica dell’ardesia è che viene prodotta in lastre, questo permette quindi di poter ricavare interessati soluzioni anche artigianali di grande prestigio.

Disegni,lettere e decori sono solo alcuni degli infiniti decori che possono essere creati con la tecnica del laser che, oltre all’incisione sulle pietre naturali, il marchio “CHIO”, seleziona e incide le più esclusive pietre e, in aggiunta quarziti, marmi e ardesie.

Il copper, ad esempio, è un ardesia naturale di  origine indiana, si presenta stonalizzata dai variegati toni bronzo ed ha una superficie a spacco naturale, questa pietra è adatta sia per superfici interne che per l’esterno. Tra le novità di quest’anno rientra anche un mix di ardesia e quarzite sempre di origine indiana, a spacco naturale che prende il nome di jack black. Come ogni prodotto naturale, è unica per finitura e caratteristiche. Questo tipo di materiale presenta una superficie finemente regolare, avendo nello stesso momento la durezza strutturale della quarzite, ovviamente si adatta alle superfici interne ed esterne. Il materiale del momento proviene dall’ Indonesia, viene proposto un travertino di origine indonesiana dalla superficie opaca e levigata utilizzato solo ed esclusivamente per la decorazione degli interni, il travertino lo si può avere anche nella versione mosaicata e quindi con una decorazione a laser.

L’india protagonista delle novità di quest’anno ci presenta ancora, l’ice white  un quarzite a spacco naturale, è un materiale pregiato è caratterizzato da una profondità unica, il suo colore e la sua trasparenza hanno la caratteristica di rendere unici i progetti architettonici, applicabile sia all’esterno che nell’interior design.

Come pulire un rivestimento bagno in ardesia

L’Ardesia non necessita di una particolare pulizia perché si tratta di un materiale impermeabile all’acqua e resistente alle macchie. Per la pulizia dei pavimenti è facile e semplice utilizzare un panno umido o se proprio si necessita, si possono usare dei detergenti specifici neutri sempre con attenzione e rispetto all’ambiente.

Rivestimento bagno in resina puliziaAssolutamente da non usare, i prodotti anti-calcare perché l’ardesia, anche se resistente, è comunque una pietra naturale e prodotti diversi da quelli neutri potrebbero rovinare i pavimenti ed i rivestimenti togliendo il colore naturale o lasciando aloni o spiacevoli macchie più chiare rispetto al colore naturale. I pavimenti in ardesia possono, in alcuni casi, anche essere lucidati, la procedura può essere fatta con una particolare cera specifica per pietre naturali.

Sistemare Casa
×