Caldaie a Pellet: Riscaldamento Alternativo

Le caldaie a pellet rappresentano una soluzione alternativa ed innovativa per il riscaldamento di un ambiente domestico, civile o industriale.

È bene sapere che con il termine caldaie a pellet non si fa riferimento a una stufa a pellet, progettata per riscaldare in base alla propria potenza una stanza di cubatura piccola, media o grande, ma al cuore di un vero e proprio impianto di riscaldamento alimentato da combustibile naturale proveniente dagli scarti della lavorazione del legno: il pellet.

Da un lato ci sono gli amanti della legna, che considerano quasi poetico alzarsi la mattina presto per caricare il camino o la stufa. Dall’altro ci sono persone che preferiscono trovare il fuoco già acceso e la casa calda quando tornano dal lavoro, magari programmandolo dal proprio smartphone. Voi per quale scelta optereste?

La scelta tra pellet e gli altri combustibili dipende dagli stili di vita, ma anche da aspetti economici e caratteristiche strutturali del combustibile stesso, nonché dal sistema di riscaldamento da voi utilizzato.

Scegliere una stufa, termostufa  o un camino a pellet non è solo una questione di gusti. Scopriamone le diverse caratteristiche, vantaggi e svantaggi che questa scelta comporta.

Caldaie a pellet: combustibile

Il pellet si compone di cilindretti di segatura pressata ed è prodotto dagli scarti industriali del legno. Questo combustibile nasce quindi dalla segatura risultante dalla lavorazione del legno, opportunamente essiccata e pressata ad alta pressione. Il pellet è un combustibile ecologico ed è una fonte di energia rinnovabile.

Caldaie a pellet

Essendo un prodotto derivato dal legno, il mercato offre varie tipologie di pellet, ne trovate di tutte le qualità, di Faggio, Rovere, Abete.

Acero, Frassino, Ontano magari misti a Carpino e Cerro, bianchi e rossi, chiari e scuri. Grazie alle qualità fisiche della lignina, componente della legna, non è necessario aggiungere alcun tipo di legante o di additivo.

I pellet trovano impiego sia in stufe per singoli locali che in caldaie per riscaldamento centralizzato. La materia prima del Pellet ecologico è composta da: 60% legno naturale duro 40% legno naturale tenero.  Buoni pellet di legno presentano un’umidità residua minima – ciò comporta un elevato potere calorifico e ridotti valori di emissioni.

Le stufe a pellet funzionano in generale con pellet aventi un diametro di 6mm.

Il pellet è quindi un combustibile ecologico ed economico!

Caldaie a pellet: riscaldamento

Il riscaldamento a pellet è un sistema di riscaldamento di ultima generazione che garantisce vantaggi di tipo ecologico, energetico e di gestione dell’impianto rispetto ai sistemi tradizionali. Grazie alla pressatura, a parità di volume, il potere calorifico del pellet è circa doppio rispetto al legno.

Caldaie a pellet combustibili a confronto

Facendo il confronto con altri combustibili di uso comune, l’utilizzo del pellets permette un risparmio superiore al 50%. Questo fattore insieme agli incentivi fiscali, permette di ammortizzare il costo della caldaia in pochi anni. La scelta di una stufa a pellets mette al riparo dagli aumenti del prezzo del petrolio e lega a un combustibile rinnovabile e inesauribile.

Presentiamo un esempio pratico di piano di risparmio se scegliete di affidare il riscaldamento della vostra casa ad un sistema di combustione a pellet.

La potenza necessaria per scaldare un’abitazione di 200 mq è pari a 15 Kw e il potere calorico del pellet di buona qualità è pari a 5,5 – 6 Kw (1 Kg). Il consumo a pieno regime è pari quindi a 2,6 Kg/h di pellets. Il costo è di circa 0,5-0,6 Euro/h.

Possiamo dedurre che il riscaldamento a pellet si sta affermando come uno dei sistemi migliori nelle moderne costruzioni, sempre più attente alla classificazione energetica degli edifici, poiché in grado di garantire grande resa e bassi consumi. Esso trova impiego sia in stufe, camini e cucine per singoli locali, sia in caldaie e termostufe per riscaldamento centralizzato.

Caldaie a pellet e riscaldamento

Per garantire una combustione senza problemi è necessario che il pellet sia conservato in un luogo asciutto prima di metterlo nella stufa.

Caldaie a pellet: vantaggi

Il pellet è un combustibile dai tanti vantaggi: è economico rispetto ai comuni combustibili, è ecologico perché costituito da segatura di legno la cui combustione è in equilibrio con l’ambiente ed è pratico perché consente di programmare il riscaldamento secondo le proprie esigenze.

Se confrontato ad altri combustibili possiamo notare una  maggiore resa calorica dello stesso, un abbassamento dei costi di consumo e minori emissioni inquinanti, non rilascia cattivi odori, abbatte le spese energetiche, non sporca, l’ingombro per lo stoccaggio del combustibile è minore, ne deriva quindi una maggiore praticità del suo utilizzo. Infine, il consumo è programmabile e il combustibile è sempre disponibile.

Caldaie a pellet modelli

Commercialmente esistono diverse tipologie di caldaie a pellet, di vario prezzo, di potenza piccola o grande a seconda dell’area da riscaldare e comunque rispetto ad altri tipi di caldaie hanno dimensione ed ingombri più elevati perché devono avere un contenitore per il caricamento automatico del pellet che di solito è più ingombrante della caldaia vera e propria e che può essere inglobato nel blocco caldaia compatta o esterno.

Caldaie a pellet: potenza

Il mercato propone diversi modelli di caldaie a pellet con rispettivamente potenze differenti.

La potenza per un’utenza residenziale varia secondo la grandezza della caldaia e, quindi, le esigenze familiari. In generale, le potenze delle caldaie a pellet per uso domestico non superano i 50 KW. Una caldaia a pellet piccola da 15-20 KW, media da 25 a 30 Kw o di potenza elevata ≥ 35 KW e max 50 KW.

Per acquistare una caldaia pelle occorre conoscere bene le caratteristiche che devono possedere le caldaie a pellet delle migliori ditte in commercio. Una caldaia deve presentare un’ efficienza elevata con rendimento > 90% che garantisce un basso consumo di combustibile pellet; quindi un funzionamento automatico sia per il caricamento pellet, sia per il bruciatore e per la raccolta della cenere, la presenza di scambiatori di calore per migliorare lo scambio termico e una robustezza del corpo caldaia, compattezza delle dimensioni, elevati standard di sicurezza ed affidabilità di funzionamento.

Un esempio di caldaie a 4 stelle, che garantiscono quindi la massima efficienza energetica, sono le caldaie a condensazione e le caldaie a premiscelazione.

Caldaie a pellet: funzionamento

Con il termine caldaia si intende l’apparecchiatura che realizza il passaggio di calore verso un fluido (acqua) senza che avvenga la sua ebollizione, con la funzione di distribuirlo ad un ambiente.

L’alta qualità della combustione del pellet è garantita da un microprocessore elettronico che regola e ottimizza l’ingresso del pellet ( combustibile) e la quantità di aria comburente.

La potenza erogata dalla caldaia viene inoltre in quasi tutti i tipi di caldaie, modulata in automatico, a seconda della richiesta di calore. La capacità di modulare la potenza evita continue accensioni e spegnimenti della caldaia, mantenendo rendimenti molto alti.

Una caldaia a pellet a funzionamento inverno/estate ha sempre bisogno di una canna fumaria e nei modelli compatti presenta una tipica forma a parallelepipedo con contenitore del pellet (o anche cippato) sopra e bruciatore o porta focolare sotto, più altre componenti che possono variare da modello a modello.

Caldaie a pellet manutenzione

Per le caldaie a pellet di potenza elevata il contenitore per caricare il pellet è in genere un serbatoio esterno alla caldaia che può essere installata in un locale apposito “centrale termica” esterno agli ambienti da riscaldare.

L’acciaio è il materiale con cui generalmente sono costruite le caldaie a pellet perché resistente alle alte temperature. Le caldaie per uso civile sono nella maggior parte dei casi costruite a tubi di fumo, cosi dette proprio perché i fumi caldi risultanti dalla combustione del pellet vengono incanalati in un fascio di tubi immersi in acqua, che viene quindi scaldata per convezione.

Il blocco della caldaia detto focolare o bruciatore, è alimentato dal basso, in modo da permettere al combustibile di avanzare con regolarità, la manutenzione deve essere effettuata ad intervalli di tempo che sono sempre indicati nelle istruzioni d’uso del modello, così come vengono anche indicati i tipi di pellet derivante da materiali diversi che si possono utilizzare.

Caldaie a pellet design

L’elettronica di controllo a microprocessore è presente in tutte le caldaie a pellet per regolarne sia il funzionamento modulato automatico sia per garantirne un utilizzo in sicurezza, segnalando sul pannello di controllo eventuali anomalie o blocco.

In caso di black out o di breve un’interruzione alla rete elettrica, quando si effettua la prima accensione a freddo o a seguito di una interruzione manuale dell’operatività della caldaia a pellet, si avrà il riavvio automatico della caldaia stessa grazie ai suoi sistemi di controllo elettronico.

La presenza di un termostato posizionato in remoto permette di controllare la modulazione della combustione del pellet che si incendia automaticamente creando una brace che lo mantiene continuamente attivo. Questo processo abbrevia tempo di riaccensione del combustibile garantendo un rapido avvio delle funzioni e quindi del riscaldamento immediato.

Per quanto riguarda le ceneri prodotte dalla combustione del pellet chi adotta un impianto con caldaia a pellet dovrà, anche per sicurezza, effettuare la regolare pulizia e lo smaltimento delle ceneri che vengono raccolte in un cassonetto apposito che va svuotato.

Caldaie a pellet funzionamento

Caldaie a pellet: risparmio

Tutti i vantaggi del combustibile naturale pellet si ritrovano anche per le caldaie a pellet e in particolare, una caldaia pelle offre un alto rendimento perché i riscaldamenti a pellet hanno rendimenti superiori al 90%, migliori rispetto agli altri tipi. Un alto poter calorico, naturale e in grado di fornire un elevato potere calorifico, economicità e completa automazione.

Installare una caldaia a pellet non necessita di fare cambiamenti all’impianto di riscaldamento già in uso, inoltre occorre sottolineare la semplicità di utilizzo della stessa.

In una società, alla ricerca dell’ecologia, ormai satura di elementi inquinanti, volta pagina e propone un combustibile per alimentare i riscaldamenti delle nostre abitazioni completamente ecologico ed efficiente. Il pellet, rappresenta il combustibile del futuro, è un materiale ricavato dagli scarti industriali del legno.

Questo materiale ha la caratteristica di essere ecologico, poco costoso il suo impiego garantisce un risparmio dal punto di vista energetico. Questo combustibile può alimentare caminetti, stufe, caldaie diciamo un alternativa ecologica al gas e a tutte le forme di combustibile dannose per l’ambiente.

Caldaie a pellet materiale

Il pellet entra nelle nostre abitazioni sotto forma di piccoli cilindri i segatura essiccata  pressata.

Sicuramente il pellet per arrivare alla sua utilizzazione di combustibile per il riscaldamento deve attraversare una serie di processi  di lavorazione. L’uso del pellet non è circoscritto come detto prima solo a combustibile per le stufe a pellet, ma può essere adoperato anche per le caldaie o i caminetti.

Ad esempio l’utilizzo della stufa a pellet, oltre ad essere ecologico, è anche economico inoltre la stufa permette di riscaldare ogni ambiente della casa solo attraverso il pellet. Il pellet oltre che essere un combustibile economico, non emette fumi tossici e dannosi per l’organismo questo materiale è solo vantaggioso.

I pellete vengono realizzati sottoponendo ad un’altissima pressione la segatura, quindi tutti gli scarti di legno puro ovvero quel legno che non presenta vernici, prodotti da segherie, falegnamerie e tutte le attività connesse alla lavorazione del legno.

Risulta essere ecologico in quanto è ricavato da scarti, e per tenerlo compatto non viene utilizzato nessun collante, infatti la compattezza è dovuta ad una sostanza contenuta nel legno. Oltre ad essere un combustibile ecologico ed economico, presenta anche dei vantaggi tecnici, ovvero ha un potere calorifero maggiore del legno normale in quanto nel pellet è presente una quantità minore di umidità. Per questo motivo non è necessario stagionare questo materiale per ottenere una resa calorica sufficientemente adeguata.

Caldaie a pellet vantaggi

Per garantire la massima prestazione del combustibile è necessario conservalo in un luogo non umido. Il pellet di uso comune avviene attraverso le apposite stufe, sono progettate con tecnologia avanzata per il riscaldamento ecologico ed il risparmio energetico.

Le stufe a pellet possono essere installate senza difficoltà in case o appartamenti di città con l’utilizzo di una canna fumaria di ridotte dimensioni.

I rivestimenti di queste stufe variano dalla ceramica alla pietra, all’acciaio garantendo una grande presenza estetica ed una adattabilità ad ambienti sia di impostazione classica che moderna. O ancora sul mercato sono presenti le termo stufe a pellet in grado di riscaldare tutta la casa e produrre acqua calda sanitaria per tutti gli utilizzi.

La termo stufa può alimentare l’impianto di riscaldamento utilizzando condutture e caloriferi attuali ed essere comandata a distanza via cellulare o modem lanciando l’impulso per la programmazione delle fasi di riscaldamento.

Leggi anche:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Lascia un commento