Come Arredare un Appartamento in Affitto

Arredare un appartamento preso in affitto non è un’operazione semplice, ci sono diversi aspetti da dover valutare, le domande che vengono poste sono parecchie, una fra tutte “quanto spendere per dei mobili che poi non si sa qualche fine faranno“, oppure ci si interroga sul perchè spendere somme anche importanti, per un appartemento che non è di nostra proprietà, ecc.

Esistono però diverse soluzioni per arredare un appartmanto senza spendere troppo; una di queste soluzioni è recarsi presso negozi di mobili usati o contattare tramite internet, iserzioni, amici, passaparola, persone che a loro volta hanno deciso, magari per esigenze diverse, di cambiare il loro arredamento e quindi di mettere in vendita i loro mobili. Se però questa soluzione non vi piace, potete sempre optare sullo stile vintage che non è molto dispendioso. Esistono anche dei negozi di arredamento definiti low cost, ovvero, negozi che offrono arredamenti completi a costi convenienti, questo se vi accontentate di una qualità discreta e non avere esigenze particolari.

La cosa migliore da fare però, è sempre quella di acquistare pensando al futuro, cioè in merito di un successivo ed eventuale trasferimento, quindi, è prefribile acquistare mobili e soluzioni di arredi componibili, che si possono adattare a piu’ ambienti ed a diverse misure.

Altro aspetto particolare e fondamentale, sono i colori presenti in una casa, quindi, se il proprietario, lo permette, potere rinfrescare l’appartamento con colori vivi, accessi, per renderlo piu’ simile a voi che non al vecchio inquilino. A parte questo piccolo colpo di testa, che serve piu’ che altro a rendere confortevole l’ambiente, non dobbiamo dimenticare che quando si scelgono i mobili, per il nuovo appartamento, soprattutto se si tratta di un’abitazione relativamente piccola, bisogna capire bene come lo spazio verrà utilizzato. Ogni spazio infatti deve essere rapportato al nostro stile di vita.

La camera da letto ad esempio, luogo essenziale per il nostro riposo, deve optare per un materasso di qualità, comodo, confertevole, rilassante, mentre nel soggiorno, anche se piccolo, non puo’ mancare un buon divano, delle mensole per appoggiare i libri, uno spazio per la tv, tavolo e sedie mentre la cucina, che spesso viene intesa come angolo cottura, deve contenere gli elettrodomestici che sono indispensabili e non puo’ mancare un microonde.

Quello che bisogna sempre ricordare, è di mettere comunque in primo piano, le proprie esigenze, ovvero, cercare di personalizzare l’ambiente il piu’ possibile, con piccoli accorgimenti, come stampe, tappeti colorati,lampade ecologiche in carta, oggetti che non costano eccessivamente in modo da non dover affrontare troppe rinunce.

Leggi anche:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Lascia un commento