Come Sturare il Lavandino

Puo’ capitare, dopo diverso tempo, di utilizzo del lavandino, che l’acqua ha difficoltà a scorrere via; questo capita quando vi è un’occlusione che non permette all’acqua di scendere come dovrebbe. L’occlusione si forma nella conduttura e non permette all’acqua di defluire velocemente lasciando anche cattivi odori.

Se vogliamo risparmiare di mettere mano al portafoglio per pagare un idraulico, possiamo provare a fare noi direttamente questo lavoro, che non è affatto complicato, o meglio, che non dovrebbe esserlo.

La prima cosa da fare è acquistare un prodotto specifico, un esempio, che tutti conosciamo è MrMuscolo; si tratta di un prodotto a base di acido che distrugge tutti gli ingorghi. Prima di usare il prodotto si raccomanda di leggere bene le istruzioni, di non tenerlo alla portata dei bambini e di non toccare il prodotto con le mani.

Se anche con questo prodotto non funziona, (questo o prodotti simili), potete provare a svitare il sifone mettendo una bacinella sotto al lavandino per evitare che l’acqua scivoli sul pavimento. Una volta rimontato il sifone, il lavandino dovrebbe funzionare regolarmente, ma se anche dopo questa operazione, il problema persiste, bisogna  recarsi in una ferramenta ed acquistare una sonda a spirale da idraulici, (non è molto costosa, meno di dieci euro, sempre piu’ economica dell’uscita di un idraulico). A questo punto, occorrerà rismontare nuovamente il sifone ed introdurre l’estremità della sonda nel tubo di scarico a muro, infilandola piu’ volte, o le volte necessarie, cercando di muoverla però con delicatezza, finchè sarà possibile smuovere l’ingorgo.

Un consiglio utile che vogliamo dare è quello, comunque, di evitare il fai da te nei giorni festivi, perchè se dovesse succedere qualche fastidioso intoppo, poi sarebbe davvero difficile trovare idraulici disponibili, oppure saresti costretti a pagare cifre al di sopra dell’onorario.

Circa l’80% delle volte, sono i capelli, che ostruiscono lo scarico, questo per quanta riguarda il bagno, quindi è bene ricordarsi si controllare sempre bene e di non lasciare residui (capelli) in giro, oppure il sapone.

Il rimedio chimico meno dannoso  e meno inquinante,sembra essere la soda caustica, si trova anche nei supermercati, viene confezionata anche in scaglie ad ha un costo irrisorio (meno di un euro); si mette a bollire dell’acqua e la si travasa in una pentola di piccole dimensioni, poi facendo molta attenzione a non toccarla e nemmeno respirandola, si mettono due cucchiai di soda caustica nel buco del lavandino otturato e si versa sopra circa 1 litro di acqua bollente…funziona!

Leggi anche:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Lascia un commento