Produttori montascale: marchi e tendenze

I marchi produttori montascale sono specializzati nella realizzazione di strumenti per agevolare la deambulazione domestica di anziani e disabili per quanto riguarda le scale.

Quando si deve acquistare un montascale sono tanti i dubbi che assalgono chi si sta accingendo all’acquisto. Naturalmente molti sono dubbi più che legittimi, giustificati dal fatto che quella del montascale è una spesa molto importante.

Questa spesa è tale da più punti di vista: innanzitutto il montascale è uno strumento indispensabile, che migliora la qualità della vita di chi lo usa; e la spesa è importante anche dal punto di vista economico, visto che, nonostante le agevolazioni fiscali garantite dallo stato, un montascale non costa poco.

Produttori montascale modelli

Dunque sia per la sua estrema importanza che per il costo da sostenere, l’acquisto di un montascale deve avvenire con grande attenzione. E’ bene anche vagliare e confrontare più soluzioni, così da poter avere le idee chiare ed essere assolutamente sicuri di star facendo la scelta giusta. L’importante è però rivolgersi alla giusta azienda produttrice, che è l’unico modo per essere davvero certi di poter rimanere soddisfatti del proprio acquisto.

Ma come si può essere sicuri di affidarsi alla ditta giusta? La grandissima scelta che oggi ci viene garantita dal mercato può essere infatti un’arma a doppio taglio, visto che si può essere perfino disorientati nel proprio acquisto.

Le tante pubblicità di produttori montascale, sia sui giornali che televisive, possono indurre alcune persone a scegliere una determinata azienda. Ma le pubblicità sulle riviste luccicanti non è detto che siano una garanzia di qualità, e magari portano a compiere una scelta sbagliata, a discapito di altre aziende produttrici meno conosciute ma più qualificate.

Dunque come ci si deve regolare nella scelta dei produttori montascale? Come si suol dire fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio.

Ciò significa che bisogna usare la massima accortezza per puntare ad un’azienda seria, che sia sinonimo di un acquisto di qualità. Ma quali sono le referenze che un’azienda deve possedere per poter essere giudicata affidabile? In primo luogo, è bene andare al di là delle descrizioni che trovate nei cataloghi e piuttosto controllare la storia aziendale. I punti da prendere in considerazione sono i seguenti: da quanti anni l’azienda opera nel settore, quanti montascale ha installato nel corso degli anni, la sua dimensione aziendale. Ma ciò non basta.

Per avere la certezza che i montascale siano degli strumenti sicuri dovete verificare che l’azienda abbia ricevuto la certificazione da enti notificati indipendenti, come il TUV o l’ISO 9001, i quali attestano la serietà con cui l’azienda stessa opera.

Produttori montascale design

Un’azienda solida e seria è sempre al fianco del cliente, per questo motivo è importante scegliere con cautela. Accertatevi che l’azienda a cui avete intenzione di rivolgervi sia allo stesso tempo produttrice e fornitrice. Questo aspetto vi darà la garanzia di potervi affidare ad un’unica ditta per tutti i servizi di cui avete bisogno, dalla consulenza all’installazione fino all’assistenza.

Ed infatti una ditta qualificata deve potervi assicurare anche questo servizio. Anche un montascale di qualità può nel tempo essere soggetto ad un malfunzionamento. L’importante è che l’azienda sia in grado di assistervi in una simile circostanza. Il livello qualitativo di un fornitore si misura infatti anche in base al servizio assistenza.

Montascale produttori: Stannah

Da quando ha fatto la sua prima apparizione il montascale ne ha fatta di strada. E non parliamo solo del fatto che, a differenza del passato, questo strumento è oggi ritenuto indispensabile ed ha fatto il suo ingresso nelle case di chiunque ne abbia bisogno, dai disabili agli anziani con deficit motorio.

L’evoluzione del montascale è visibile a tutti: i nuovi modelli sono all’avanguardia nelle prestazioni e moderni nelle forme. Essi sono divenuti dei veri oggetti di design, che vogliono essere gradevoli alla vista ed inserirsi con piena coerenza con il resto dell’arredamento delll’ambiente in cui sono collocati. Recentemente l’azienda Stannah, leader nel settore dei montascale a poltroncina, ha fatto molto di più, facendo diventare il montascale un oggetto di moda. In che modo? Attraverso la  Stannah Collection. Si tratta di una linea di sei poltroncine create dai designer Stannah con la collaborazione della giovane stilista francese Amandine Leclerc.

Il risultato sono sei montascale a poltroncina le cui sedute si ispirano agli intramontabili stili della più raffinata tradizione tessile europea. Attraverso questo creativo progetto è stato compiuto un passo fondamentale: finalmente il montascale non è più visto solo ed esclusivamente come uno strumento d’aiuto, ma ha ricevuto la sua consacrazione ad oggetto di design.

Produttori montascale

Naturalmente senza rinunciare a caratteristiche imprescindibili quali la funzionalità, la sicurezza e la comodità, il montascale ora è anche piacevole nell’aspetto. In fondo esso è visibile sia a chi abita la casa che ai suoi ospiti, ed è dunque giusto che si integri perfettamente nel contesto abitativo.

Nascono così dei montascale eleganti, che sono testimoni di quel giusto equilibrio tra arte e tecnologia, stile e qualità. Dunque per rispondere alle esigenze di una clientela attenta non solo alla qualità ma anche all’aspetto estetico, Stannah ha pensato a questa collezione in cui le poltroncine sono vestite con sei diverse fantasie. Il tessuto è lavabile, cosa che dimostra l’occhio vigile anche verso la praticità del prodotto.

Ma scopriamo appunto quali sono queste sei fantasie. Lyon è il modello che si ispira ai paesaggi coloratissimi del pittore Raoul Dufy. Le tonalità che prevalgono sono il giallo, l’arancione ed il rosso, che si mescolano in un mosaico perfetto. I toni caldi ed avvolgenti di questa fantasia sembrano essere stampati su della seta morbidissima.

Paris si rifà invece all’arte impressionista ed ai lavori di Sonia Delaunay, la grande ed impareggiabile regina dell’arte dell’arazzo e del tessuto nella Francia degli anni ’20. Bruxelles è un omaggio all’Art Noveau e si caratterizza per dei colori vivaci che spiccano sul raffinato sfondo bianco.

Milano rievoca invece i disegni dei tessuti che erano prodotti con una lavorazione tutta artigianale nell’Italia Settentrionale del XIV secolo. In questo modello si incontrano l’eleganza del passato ed il glamour del presente.

Infine Firenze, poltroncina la cui fantasia richiama alla mente le atmosfere opulente dei palazzi aristocratici del XIX secolo. Colori, materiali e disegni totalmente diversi offrono un’ampia scelta a chi decide di vivere il montascale non solo come strumento di ausilio, ma anche di arredo, per dare un tocco di originalità e gusto alla propria casa.

Produttori montascale: modello Starla

Per una volta vi parliamo di un montascale che, oltre a fare il suo comune ingresso nelle case di tutti coloro che ne hanno bisogno, ha fatto notizia per essere finito su un set cinematografico. Si tratta di Starla, il montascale creato e lanciato nel 2011 dall’azienda Stannah, leader nel settore.

Questo montascale è diventato protagonista ad Hollywood, dove è stato usato nella prima pellicola da regista di Dustin Hoffman. Il film in questione si intitola Quartet, ed è uscito nelle nostre sale proprio nei giorni scorsi. Tratto dall’omonima commedia teatrale di Ronald Harwood, Quartet racconta la storia di quattro uomino over 65, ex cantanti d’opera che vivono la loro terza età in un pensionato di lusso. I quattro musicisti decidono dopo anni di cantare di nuovo insieme, ancora una volta come ai vecchi tempi. Per la loro reunion decidono di esibirsi con le musiche di Giuseppe Verdi durante una serata di gala. Ed ecco che in una scena del film il pubblico può notare Starla.

In realtà le scene dove il montascale fa la sua comparsa sono diverse. Ma esso si nota in modo particolare nella sequenza in cui uno dei protagonisti, l’attore Billy Connolly, che interpreta il ruolo di Wilfred, percorre la scalinata dirigendosi al piano di sotto per incontrare la dolce e  giovane responsabile della casa di riposo. Starla è installato sulla scalinata della Hedsor House, un palazzo di ricevimenti maestoso che si trova a Taplow, nel Buckinghamshire.

Montascale

Starla è una poltroncina elegante, un modello che nel film appare con tanto di rotaia colorata. Ma se vi riportiamo questa notizia di un montascale su un set è soprattutto per un motivo: Starla è il chiaro segnale di come un montascale oggi sia visto anche come un oggetto d’arredo. L’azienda Stannah, esattamente come tante altre aziende produttrici moderne di montascale, si è impegnata per soddisfare una clientela sempre più attenta anche al fattore estetico. Ed il messaggio che viene lanciato è chiaro: il montascale oggi è considerato parte integrante dell’arredamento di un’abitazione. Del resto con il tempo abbiamo assistito ad una vera evoluzione del concetto di montascale, esso è diventato da strumento di ausilio ad oggetto di design.

Il montascale è sempre stato uno strumento preziosissimo per tutti coloro che hanno un deficit motorio. Ma bisogna dire che inizialmente il montascale non era diffuso in tutte le abitazioni dei disabili, e nelle case dove veniva installato veniva considerato solo come uno strumento tecnico d’ausilio.

Negli ultimi anni, invece, c’è stata finalmente una grande diffusione, le persone hanno compreso quanto questo strumento sia necessario per chi ha un deficit motorio. E soprattutto le persone hanno capito che il montascale non è un ausilio legato ad una invalidità, qualcosa che deve essere nascosta agli occhi altrui. Piuttosto il montascale è un oggetto che aiuta a prevenire le cadute e che può essere utilizzato con estrema naturalezza, proprio come l’ascensore.

La presenza di un montascale in un film non fa altro che testimoniare quanto il montascale sia divenuto uno strumento di uso comune, che fa parte della nostra quotidianità, e che oltre ad essere un oggetto sicuro e funzionale possa essere anche di design e gradevole alla vista.

Produttori montascale: Seniorlife

I produttori di montascale mettono a disposizione degli utenti una serie numerosa di diverse possibilità. L’ampia scelta è indubbiamente un vantaggio degli ultimi anni, ovvero da quando il montascale ha trovato una sempre più larga diffusione, oltre che nei luoghi pubblici, anche negli ambienti domestici.

Insomma, grazie alla formazione di una vera e propria cultura del montascale e grazie alla piena comprensione della sua importanza, i modelli sul mercato, per far fronte ad una maggiore richiesta, si sono moltiplicati. In questo modo i produttori si assicurano di accontentare i bisogni di un’utenza eterogenea e sempre più esigente. Nel nostro sito vi abbiamo già parlato di alcune delle più rinomate ditte produttrici di montascale, e tra queste vi abbiamo già menzionato Seniorlife. Oggi vogliamo concentrarci in modo particolare su un suo prodotto, Ergo.

Ergo è un montascale a poltroncina che rappresenta la soluzione ideale per risolvere i problemi di mobilità tra le pareti domestiche. Sappiamo che le scale in casa, per chi ha problemi motori, rappresentano un ostacolo enorme. I disabili e gli anziani con capacità motoria ridotta vivono le scale come una preoccupazione oltre che come un blocco fisico e concreto a tutti gli effetti. Una rampa di scale per chi è sulla carrozzina ma anche solo per chi ha qualche difficoltà di deambulazine è un vero problema, che limita la propria libertà, minacciando le proprie abitudini e la propria indipendenza.

A fronte di tutto ciò si è finalmente compresa l’importanza della presenza di un montascale nelle abitazioni. Seniorlife per rispondere all’esigenza di vivere gli spazi domestici appieno, senza avere più il pensiero di dover affrontare le scale, ha creato Ergo. Questo montascale è una soluzione su misura, quindi completamente personalizzabile, creata per salire e scendere le scale in piena facilità e comodità. Ma scopriamo innanzitutto qualche sua caratteristica tecnica.

Ergo è dotata di una rotaia che viene progettata e prodotta nelle fabbriche Seniorlife attraverso delle macchine a controllo numerico. Questo particolare, che per molti non vorrà dire nulla, significa in realtà poter contare su uno strumento efficiente e massimamente preciso.

Per le scale curve Ergo è fornito di una rotaia a doppio tubolare, mentre per quelle rettilinee esso è dotato di una monoguida in alluminio. Le rotaie sono testate in fabbrica e per rendere le fasi di trasporto e montaggio della scala più pratiche sono suddivise in sezioni. Questo aspetto tecnico si traduce in termini di benefici con il vantaggio di un’installazione semplice e veloce: il tecnico è così nelle condizioni di provvedere al montaggio nell’arco di una sola giornata. In più, la rotaia per scale curve è la più sottile al mondo. Ma veniamo ora a tutti quegli aspetti che catturano ancor più l’attenzione e la curiosità del cliente.

Ergo ha una portata massima di 120 kg ed è dotato di una serie di accorgimenti di grande comfort per il fruitore. Dall’innovativo display diagnostico alla pedanetta poggiapiedi fino alle due leve che permettono di ruotare manualmente la poltroncina quando si è in cima alla scalinata. Tutto ciò garantisce un trasporto confortevole e sicuro.

Produttori montascale: norme per condominio

Prima di affrontare l’acquisto di un montascale e procedere con la sua installazione, è necessario conoscere bene la normativa in materia, così da evitare la spiacevole situazione di trovarsi a dover risolvere delle questioni con i propri vicini. Se infatti per installare un montascale a casa propria si può agire liberamente e non occorre dar conto ad alcuno per la propria decisione, ben diverso è il discorso quando il montascale lo si deve installare in condominio.

In tal caso, proprio per non avere controversie con i vicini di casa e potersi muovere nella direzione giusta, è bene conoscere a fondo cosa la legge dice. Come sappiamo lo stato è favorevole all’eliminazione delle barriere architettoniche, ma scopriamo cosa prevede quando deve essere applicata in un contesto privato.

Montascale chiuso

Quando un disabile vive in un condominio ed ha necessità della presenza di un montascale per essere libero ed autonomo nei suoi spostamenti, esso non può non tener conto degli altri condomini. Si deve infatti valutare che si intende intervenire eliminando le barriere architettoniche in uno spazio comune, e non in uno spazio di cui si ha l’esclusiva proprietà. Per questo motivo non si può procedere all’installazione senza darne comunicazione ad altri, ma si ha il dovere di seguire la specifica procedura.

L’installazione di un montascale rientra in quei progetti di innovazione che sono volti al superamento delle barriere architettoniche. La procedura relativa a questo tipo di interventi è regolamentata dal nostro Codice Civile, che se ne occupa nella specifica sezione dedicata ai condomini. Il nostro Codice dice che per poter procedere con un intervento definito di innovazione, bisogna ottenere i 2/3 della maggioranza assembleare. Si tratta in realtà di una percentuale piuttosto alta, che se dovesse essere valida anche per il superamento delle barriere architettoniche attraverso l’installazione di un montascale, darebbe del filo da torcere ai disabili condomini.

Proprio per questo motivo c’è la legge 13.1989 che ha introdotto delle novità importantissime a favore dell’eliminazione delle barriere architettoniche, ovvero delle maggioranze assembleari di 1/3, con l’obiettivo di permettere ai condomini disabili la realizzazione di interventi volti all’installazione di un montascale. Sempre la medesima legge introduce una deroga fondamentale, ovvero dà la possibilità di poter procedere all’installazione di un montascale condominiale anche senza aver ricevuto il consenso degli altri condomini.

Ma per poter avere il vantaggio di usufruire di questa deroga bisogna seguire una procedura prestabilita. In pratica il condomino disabile interessato all’installazione del montascale nelle parti comuni dell’edificio dove risiede, deve comunicare la sua intenzione all’amministratore. La comunicazione deve naturalmente avvenire per iscritto, e vi si dovrà specificare che si chiede di convocare un’assemblea che abbia all’ordine del giorno proprio la proposta di installare il montascale.

Nel caso in cui si ignori questa volontà e l’assemblea non venga convocata, oppure non giunga ad una decisione, dopo tre mesi il condomino potrà liberamente procedere con l’installazione del montascale.

E’ importante che il condomino disabile nella sua richiesta di convocazione dell’assemblea alleghi anche il preventivo dei costi che l’installazione del montascale comporta. In questo modo i condomini potranno valutare se approvarla e magari sostenere la spesa dividendola. Se non vorranno sostenerla sarà il diretto interessato a farsene interamente carico.

Produttori montascale: consigli utili

Per prima cosa, una volta che vi siete orientati verso un’azienda produttrice, per chiarirvi le idee e verificare la validità della vostra scelta dovete fissare un appuntamento di consulenza. Questo passaggio è assolutamente fondamentale, visto che vi permetterà di avere una visione completa su come verranno soddisfatte le vostre esigenze, e soprattutto vi consentirà di sapere il costo della spesa che vi state accingendo a sostenere.

Naturalmente il sopralluogo deve essere completamente gratuito e non vincolante all’acquisto: ogni azienda seria fornisce questo servizio, quindi assicuratevi prima della visita del consulente che non dovrete pagare alcunché e non sarete obbligati all’acquisto. Il consulente ha il compito preciso di ascoltare le vostre esigenze per fornirvi una soluzione aderente a queste, ed inoltre, dopo aver individuato il tipo di montascale più adatto, dovrà sottoporvi un preventivo.

Ricordate che nel preventivo devono essere inclusi sia i costi di consegna che di installazione. Inoltre, un consulente affidabile e serio dovrà pensare al vostro interesse, e quindi dovrà illustrarvi nel dettaglio le possibili detrazioni fiscali di cui potrete usufruire acquistando un montascale.

Per essere sicuri di fare la scelta giusta occorre non fidarsi solo delle pubblicità, ma piuttosto valutare l’affidabilità ed il grado di professionalità dell’azienda scelta sulla base della sua attività. Vi potrà quindi essere utile verificare la storia dell’azienda  verso cui siete indirizzati, prediligendo le ditte in cui il fornitore coincide con il produttore.

Questo vi darà la sicurezza di poter contare su un’unica azienda per tutti i servizi di cui avrete bisogno, dalla consulenza all’installazione fino alla manutenzione e all’assistenza clienti. A proposito di assistenza, assicuratevi che questa vi sia garantita in tempi brevi. Sicuramente la qualità di un’azienda si misura anche sulla base della tempestività con cui garantisce riparazioni ai suoi clienti.

E’ importante che ci sia un servizio operativo tutti i giorni dell’anno, 24 ore su 24, che garantisca interventi effettuati da tecnici esperti, in possesso del patentino rilasciato dal prefetto. Naturalmente, dovete esser certi che i prodotti offerti siano totalmente sicuri. Per avere questa certezza potete controllare che i prodotti siano certificati da enti notificati indipendenti, come il TUV o l’ISO 9001, i quali dimostrano la serietà dell’azienda.

Leggi anche:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Lascia un commento