Ristrutturazioni edilizie: tutti i costi e le agevolazioni

Le ristrutturazioni edilizie rappresentano sempre un costo ingente soprattutto per chi ha un budget limitato ma, con un po’ di pratica e di ricerca, possiamo trovare agevolazioni e leggi utili!

Sono tanti gli errori che si possono fare quando la voglia di cambiare è tanta ed il tempo invece no. Come prima cosa, è subito bene parlare di soldi, ovvero, occorre stabilire un budget questo ci permetterà di spendere bene e di portare a termine le ristrutturazioni edilizie. E’ importante anche avere le idee chiare sui materiali in modo da poter fissare un preventivo quantomeno reale. Per poter far questo dovete interpellare alcune imprese e comparare i vari prezzi e soprattutto la qualità del servizio senza dimenticare di chiedere se nel preventivo sono comprese anche le spese di smaltimento delle macerie.

Ristrutturazioni edilizie casa nuovaAltra cosa da fare è quella di consultare un architetto esperto in ristrutturazioni edilizie, il quale valuterà le idee ed i lavori che dovranno essere fatti. E’ meglio anche affidarsi ad una sola impresa, solida e qualificata, piuttosto che a diversi artigiani. Per molti piccoli interventi come il rifacimento di un bagno o della pavimentazione interna non occorre richiedere un permesso di costruire. Per evitare comunque qualunque problema a lavori finiti e costi imprevisti è sempre meglio fare una verifica con le autorità locali preposte prima di procedere. Gli edifici antichi, nello specifico, potrebbero essere soggetti a particolari vincoli conservatrici. Inoltre, il regolamento per le ristrutturazioni edilizie stabilisce precise norme per assicurare che gli interventi siano eseguiti in sicurezza e nel rispetto delle leggi in vigore.

Ristrutturazioni edilizie fai da te

Numerose sono le offerte e le opportunità di risparmio per le ristrutturazioni edilizie da cogliere al volo per  chi si accinge a ristrutturare la casa. Offerte di progettazione gratuita e di sgravi fiscali rendono più realizzabile e appetibile la trasformazione della casa.

La nascita di un figlio,la necessità di un piccolo studio, la voglia di più calore e di nuovi colori ci da spesso la sensazione che la nostra sia una casa davvero inadeguata. Questo ci fa nascere la voglia di cambiare, di avere finalmente una sensazione di spazio e di funzionalità, che ci farà stare a nostro agio nel “pezzo di mondo” in cui viviamo. Quindi comincia la caccia alla casa dei sogni e spesso non ci si rende conto che la  propria abitazione ha delle potenzialità non sfruttate!

Facciamo due conti: se cambiamo casa dobbiamo sopportare i costi di intermediazione di agenzia, i costi notarili, le tasse di trasferimento, gli interessi passivi sul nuovo mutuo. A conti fatti in media non si spendono meno di 30.000 euro per i soli costi di trasferimento legale e, infine, dobbiamo comunque ristrutturare la casa appena acquistata. Conviene quindi capire bene se è possibile con una radicale ristrutturazione e con soluzioni originali ottenere più spazio dalla propria casa, tenendo conto che con le agevolazioni fiscali attuali il 36% delle spese ci viene restituito sotto forma di detrazione fiscale dallo stato.

Secondo la Covertec srl (azienda specializzata in ristrutturazioni edilizie di interni), le ristrutturazioni edilizie per una casa di circa 90 mq realizzata con buone finiture hanno un costo finale di circa 60.000 euro e quindi la metà della cifra sarebbe già assorbita dai soli  costi di acquisto, prima elencati.

Se poi si calcolano le somme ricevute in detrazione fiscale per le ristrutturazioni edilizie, circa 17.500 euro, (36% fino a 48.000 euro, il costo totale per ottenere una nuova casa progettata secondo le esigenze della famiglia sarebbe di circa 15.000 euro!

Eccovi i dati esatti:

Costi medi di ristrutturazione per una
Unita’ abitativa di circa 90 mq                                € 60.000,00
Risparmio fiscale per le detrazioni                      – € 17.500,00
Costo reale                                                               €  42.500,00

Costi accessori medi per l’acquisto
di una nuova casa                                                    € 30.000,00

Rimane fondamentale effettuare un passaggio sul sito della Agenzia delle entrate   ricco di informazioni sui lavori che possono ottenere le agevolazioni  e con i moduli scaricabili on line per la richiesta della detrazione fiscale del 36% sulla ristrutturazione e del 55% sui lavori che riguardano il risparmio energetico.

Ristrutturazioni edilizie: progetto gratuito

Ci sono diverse possibilità. Ci si può rivolgere certamente ad un architetto che potrà dare un parere con un semplice sopralluogo e ci sono anche imprese specializzate del settore che possono fornire dei preventivi di spesa. Covertec srl (n. verde 800134971)  ha attivato un servizio di progettazione gratuito ad hoc ed in caso di realizzazione del progetto fornisce addirittura gratuitamente la D.i.a (la dichiarazione di inizio attività al comune) e l’assistenza per l’istruzione della pratica burocratica relativa allo sgravio fiscale del 36% . Covertec srl (www.covertec.it) fornisce, inoltre, l’assistenza di un architetto specializzato in ristrutturazioni edilizie, per la scelta dei materiali e offre garanzie assicurative sulla qualità dei lavori effettuati.

Inoltre, blog e scambi di informazione rendono più facili i lavori che riguardano le ristrutturazioni edilizie. Esistono tantissimi siti web specializzati nella ristrutturazioni di interni che offrono consigli e danno indicazioni su soluzioni originali, materiali, e assistenza fiscale. Quindi conviene fare una ricerca su internet per prendere spunti e  informazioni che spesso sono fondamentali per effettuare una scelta definitiva. Alcuni portali  forniscono a pagamento  anche  la progettazione della propria casa proponendo  la figura dell’architetto on line. Certo disegnare una casa, senza aver realizzato un sopralluogo, senza un confronto serrato sulle esigenze e sulle possibilità progettuali che la nostra casa può offrire, rischia di trasformare un pur modesto investimento in un risultato a volte frustrante con delle rinunce.

Quindi è preferibile far visionare la casa ad un professionista di ristrutturazioni edilizie con cui confrontarsi e, poi richiedere una progettazione con visione tridimensionale. In questo modo ci si potrà rendere conto delle reali possibilità di sfruttamento degli spazi a disposizione.

Questo servizio è offerto gratuitamente da Covertec srl (www.covertec.it/ristrutturazione-casa.html). Anche i blog forniscono un’ampia informazione sull’argomento e segnaliamo “La casa come la desideri tu” e “Architetto free”, dove un architetto specializzato in ristrutturazioni edilizie offre un servizio di progettazione con pagamento a “discrezione” del cliente: Paghi quanto vuoi!

Ristrutturazioni edilizie: gli incentivi statali

E’ vero non è sempre facile avere a che fare con imprese e comuni soprattutto quando di mezzo c’è la burocrazia però è anche necessario conoscere dettagliatamente i nostri diritti per poter cosi avere riscontro necessario, e per far capire che quello che noi cerchiamo ci spetta di diritto e non per ricambio di favore!

Ristrutturazioni edilizie work in progressE’ importante anche sapere che esistono degli aiuti economici per ristrutturare casa previsti dalla legge. In particolare sfruttare gli aiuti economici significa poter intervenire su eventuali danni, sull’usura degli impianti, o sul rifacimento totale o parziale degli ambienti. Questi tipi di intervento di ristrutturazioni edilizie sono essenziali non solo per rendere sicura la nostra struttura ma anche per garantire una più alta qualità di vita per chi vive in casa. L’obiettivo finale delle norme vigenti in tema di incentivi è si quello di agevolare e favorire le ristrutturazioni edili, ma anche e soprattutto quello di abbassare l‘inquinamento generale e di favorire il risparmio energetico. L’importanza di queste incentivi viene di anno in anno rinnovata dalle leggi finanziarie; Attualmente è in vigore la proroga fino al 31 Dicembre 2011,data entro la quale sarà possibile usufruire delle detrazioni di imposta del 36 % e del 55 % delle spese sostenute dal 1 Gennaio 2008.

Le agevolazioni in  questione sono rivolti a soggetti privati che hanno presentato un progetto in cui non sia prevista una spesa superiore a 48 mila euro.

Un’altra importantissima voce in merito è la Riqualificazione Energetica. Negli attuali incentivi sono previsti detrazioni d’imposta del 55 % per tutti i costi sostenuti ai fini della riqualificazione energetica degli edifici,quindi per tutti quegli interventi volti a massimizzare l’efficienza dei consumi di energia elettrica e gas, che mediante una riduzione degli stessi, portino all’abbassamento dell’inquinamento atmosferico,ad esempio: realizzazione degli impianti a pannelli solari, ammodernamento degli impianti di climatizzazione, prodotti che limitano l’uso di risorse per riscaldare gli edifici.

Uno degli esempi per realizzare una migliore distribuzione degli spazi è rappresentato in foto.

Ristrutturazioni edilizie parete multimediale

E’ stato abbattuto il tramezzo divisorio fra la cucina e il soggiorno  e al suo posto è stata ricavata una parete attrezzata multimediale! In questa parete divisoria sono sistemati una televisore LCD da 42 pollici , il dvd, il sistema home-Theater, un mobile contenitore  a due ante, a servizio del soggiorno, una libreria superiore, le casse del sistema di diffusione sonora e delle nicchie illuminate da dedicare a quei pezzi particolari che la coppia aveva trovato in giro per il mondo. In questo modo la televisione può essere vista comodamente sia dal divano che dalla tavola durante la cena dove la famiglia finalmente si riunisce. Un ultimo particolare è riservato alla televisione che, tramite una staffa direzionabile, può essere lievemente estratto dalla nicchia in cui si trova e può essere orientato per una visione ancora migliore. Inutile dire che tutti i cavi sono passati all’interno della parete e quindi  non li avremo a vista.Il tutto è stato realizzato in soli 30 cm di spessore.

Ristrutturazioni edilizie: agevolazioni e detrazioni fiscali

Possono usufruire delle agevolazioni tutte le persone soggette all’Irpef ovvero, proprietari, usufruttuari, inquilini, comodatari, ecc., le agevolazioni fiscali, per le spese di manutenzione e ristrutturazione degli immobili ad uso abitativo, fissate per legge nel 2006, sono state prorogate fino al 31 dicembre 2012 dalla Legge Finanziaria 2010.

Dal 10 ottobre 2006, il decreto legge n. 223 ha riportato al 36% la percentuale di detrazione Irpef sulle spese sostenute. L’iva applicabile sulle fatture emesse è scesa dal 20% al 10%; la normativa prevede la decadenza dell’agevolazione nel caso in cui l’impresa che esegue i lavori non dimostri il costo della manodopera utilizzata.

ristrutturazioni edilizie incentivi e bonus

L’applicazione delle agevolazioni fiscali però, non appare così semplice come dovrebbe essere in realtà; esiste un tetto massimo di spesa detraibile, pari a 150 milioni per anno, per ciascun contribuente, per ciascun immobile, per ciascun anno di imposta. Gli interventi possibili sono quelli di manutenzione straordinaria, risanamento conservativo, risparmio energetico, ristrutturazione edilizia, eliminazione delle barriere architettoniche, mentre restano escluse le manutenzioni ordinarie. Ecco pertanto la documentazione necessaria: 1) modulo predisposto dal Ministero delle Finanze, 2) comunicazione U.S.L. nel caso fosse stata fatta, 3) copia concessione edilizia o autorizzazione lavori o dia se esistente, 4) copia preventivo o consuntivo spese con ripartizione spese secondo tabella millesimale del condominio per i lavori nell’ambito condominiale,5) copia delibera condominiale che autorizza i lavori, 6) copia della domanda di accatastamento se l’immobile non risulta ancora censito.

La detrazione per ristrutturazioni edilizie rientra anche nel caso in cui si acquisti contemporaneamente abitazione e box ancora in corso di costruzione, infatti, i benefici spettano anche per l’acquisto di unità immobiliari poste all’interno dei fabbricati, completamente ristrutturati da imprese di costruzione o cooperative edilizie, infatti la detrazione si applica sui lavori di restauro e risanamento conservativo o di ristrutturazione edilizia entro il 31 Dicembre 2006.

Detto questo, dobbiamo anche dire una verità che riguarda il nostro Paese, ovvero, la burocrazia non aiuta certo le buone intenzioni, ovvero, in teoria sembra tutto alquanto semplice e possibile, nella realtà , tutto diventa più difficile e farraginoso da mettere in pratica, ovvero, siamo un popolo di italiani e per questo dobbiamo essere molto pazienti.

E’ ancora più facile avvalersi dell’agevolazione fiscale per gli interventi per ristrutturazioni edilizie grazie al recente provvedimento dell’ Agenzia delle Entrate il quale reperisce la disposizione normativa che semplifica gli adempimenti a carico dei contribuenti. Le abilitazioni amministrative, la domanda di accatastamento per immobili non censiti, la ricevuta di pagamento dell’Ici, sono alcuni dei documenti per i quali è previsto l’obbligo di conservazione ed esibizione in caso di controllo sulle detrazioni del 36% per le spese di ristrutturazione. Dopo l’abolizione della comunicazione preventiva di inizio lavori al Centro Operativo di Pescara e la norma che ha abolito l’obbligo di indicare separatamente nella fattura il costo della manodopera, l’Agenzia delle Entrate ha comunicato l’elenco degli atti che i contribuenti devono tenere a disposizione e, dietro esplicita richiesta, esibire agli uffici fiscali. Ecco nel dettaglio, la lista dei documenti per ristrutturazioni edilizie da presentare:

Ristrutturazioni edilizie lavori in corsole abilitazioni amministrative (concessioni, autorizzazioni o comunicazioni di inizio lavori), se previste (in alternativa, dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà contenente la data di inizio lavori e attestante che si tratta di interventi agevolabili anche se non è richiesto un’abilitazione specifica); ricevuta dell’Ici, se dovuta; delibera assembleare e tabella con ripartizione delle spese in base ai millesimi, in caso di lavori che riguardano parti comuni di edifici; dichiarazione di consenso ai lavori da parte del possessore dell’immobile, se diverso dai familiari conviventi; comunicazione alla Azienda Sanitaria Locale, se prevista dalla legge per la sicurezza dei cantieri; le fatture e le ricevute delle spese sostenute; ricevute dei bonifici di pagamento per le ristrutturazioni edilizie.

Inoltre, è stato esteso fino al 31 dicembre 2012 dalla finanziaria 2010 che ha aggiunto agli anni 2010 e 2011 anche il 2012, il bonus fiscale del 36% sulle spese sostenute per le detrazioni edilizie, già previste nella finanziaria 2008. Nessun riferimento invece, alla detrazione Irpef del 55% sulla riqualificazione energetica degli edifici che, dunque, vale solo per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2011. I lavori edilizi per i quali spetta la detrazione del 36% riguardano nello specifico gli interventi di manutenzione straordinaria, lavori di restauro e risanamento conservativo, lavori di ristrutturazione edilizia di singoli appartamenti ed immobili condominiali. Requisito essenziale per usufruire della detrazione fiscale del 36% per il 2012 è che le spese effettuate siano state pagate tramite bonifico bancario o postale.

Ristrutturazioni edilizie: il momento giusto

Ristrutturazioni edilizie Arriva l’estate ed è tempo di lavori di casa. Eh sì, questo è proprio il momento giusto per dare una rinfrescata ai nostri ambienti casalinghi. Per prima cosa bisogna capire su quale punto della casa bisogna intervenire. Ad esempio vi è necessità di ristrutturare le pareti di casa perché magari sono presenti macchie che possono essere dovute ad umidità o ad altre cause. Bisogna analizzare e capire dettagliatamente le cause delle macchie presenti sulle pareti  per poi poter agire correttamente.

L‘umidità oltre a creare danni per la nostra salute, è in grado di creare problemi di muffa alle nostre pareti e ai nostri solai e quindi è necessario affrontare la situazione per rendere la nostra casa più salubre e vivibile.

E’ sempre consigliabile affidarsi ad una ditta specializzata che sia in grado di capire i danni che sono presenti e soprattutto che ci chiariscano qual’è la normativa da seguire in caso di ristrutturazioni edilizie della casa.

Infatti con l’introduzione del Testo Unico e della Legge 443/01 sono cambiate molte cose. Recentemente sono entrate in vigore le nuove norme che liberalizzano i lavori di casa facendoli diventare più semplici e solo per alcuni interventi resta l’obbligo di comunicare ai comuni la relazione tecnica sulla tipologia della ristrutturazione o anche detta DIA, Denuncia di Inizio Attività. Non è previsto nessun obbligo burocratico per gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria che comunque non toccano i muri maestri. Vengono liberalizzate  le opere di abbattimento delle barriere architettoniche interne alla casa o al palazzo; si potranno rifare i pavimenti, aggiungere impianti di allarme, sostituire o modificare i servizi sanitari ed è anche possibile installare nuovi ascensori purché  siano previsti all’interno di palazzi.

Per quanto riguarda i lavori esterni è sempre necessaria presentare una nota informativa al comune accompagnata anche da un progetto o da una relazione tecnica elaborata da tecnici abilitati; la nota deve anche indicare l’impresa alla quale  sono affidati i lavori. Ristrutturare casa significa spesso la necessita’ di dover accendere un mutuo anche perché si è costretti a dover affrontare una spesa importante. Ristrutturare una casa può significare intervenire con una manutenzione ordinaria (piccole opere), straordinaria (piccole opere) o ristrutturazione con “grandi opere”. Ottenere un mutuo per ristrutturare la propria casa è alquanto semplice, basta presentare oltre ai documenti d’acquisto della propria casa, altri documenti necessari: per quanto concerne la manutenzione ordinaria, occorre essere in possesso del preventivo della spesa da affrontare e su cui investire, redatto dall’impresa che effettuerà i lavori. Per quanto riguarda la manutenzione straordinaria, oltre al preventivo della spesa, occorre presentare anche il progetto edilizio unito alla domanda di autorizzazione edilizia del Comune e la denuncia di inizio attività.

Oltre a questi documenti elencati, nel caso della ristrutturazione delle grandi opere, servirà mostrare anche la ricevuta di versamento del contributo all’Amministrazione Comunale. Alcune banche online offrono dei mutui “creati su misura” per coloro che hanno l’esigenza di ristrutturare casa. Esistono infatti soluzioni rivolte a coloro che, essendo proprietari di immobili, desiderano effettuare lavori rinnovabili entro una certa soglia massima di spesa, esempio, 100.000 euro. L’ammontare massimo finanziabile è pari alla totalità dei lavori preventivati confermati da perizia, compresi gli oneri di concezione edilizia dove necessaria. Per tutti coloro che fossero interessati ad accendere un mutuo per ristrutturare casa, basta accedere alla voce mutuo online (finalità del mutuo) ristrutturazione casa e richiedere un preventivo gratuito.

Ristrutturazioni edilizie a budget ridotto

Le case costano, la crisi continua ad affliggere la nostra Italia ma, probabilmente tu sei una di quelle persone che non si arrendono e vogliono comunque farsi una casa che possa essere quella in cui vivrai per tutta la vita. Sappi che non è detto che il tuo budget basso non ti permetta di scegliere una casa che costa meno delle altre e ristrutturare il tutto senza problemi!

In questi casi, la soluzione migliore è quella di rimanere per un po’ in casa dei genitori o di qualche parente. Un’abitazione in appoggio ti permetterà di acquistare (o comunque fare un mutuo) per una casa da rimettere e ristrutturare. Questa è la scelta di molti italiani che, anche partendo quasi da zero, riescono a farsi una casa come si deve.

Ristrutturare non è facile e di certo, per alcune cose e stanze complesse, come il bagno e la cucina, dovrai probabilmente rivolgerti ad un professionista. Per quanto riguarda il resto (come pareti, pavimenti, infissi, ecc. ), puoi comunque utilizzare una parte del tuo budget per comprare i materiali e fare da solo/a e/o facendoti aiutare da qualcuno.

Infatti su internet è possibile trovare diversi articoli, video tutorial e istruzioni varie per fare tantissime cose all’interno della tua casa. Alcune, tra l’altro, sono anche difficili da mettere in pratica ma, se ci sono le spiegazioni online, significa che puoi farlo anche tu senza dover spendere cifre esorbitanti per chiamare una ditta specializzata.

ristrutturazioni edilizie architetto

Molti italiani scelgono di ristrutturare la propria casa in gran parte da soli. L’unico problema è che ci vuole tanta pazienza, impegno e diverso tempo, anche perché dovrai utilizzare il weekend e la maggior parte del tuo tempo libero per fare una cosa simile. Ecco perché il consiglio è quello di farsi aiutare da familiari o amici in modo da fare più veloce, non sforzarsi troppo, far prima e avere un’altra mente su cui contare. Quindi non è assolutamente impossibile ristrutturare la propria casa da soli!

Oltre all’aiuto di internet, potrai scegliere di avvalerti di un libro che tratta di fai-da-te e di ristrutturazione. Anche questi sono colmi di spiegazioni importanti che ti spiegheranno cosa ti serve e poi ti diranno, passo dopo passo, che cosa fare per quanto riguarda ogni singola azione che riguarda il ristrutturare una casa. In questo modo non importerà se il tuo budget è limitato e se potrai fare un lavoro completo alla settimana oppure uno al mese!

Quando avrai fatto tutto quello che puoi fare senza il bisogno di un professionista, ti informerai su qualche ditta e ti farai finire di aggiustare e/o montare tutto ciò che ha bisogno di ulteriori competenze che un libro, un video o una guida, non può darti correttamente.

Ristrutturazioni edilizie

Quindi se hai deciso che vuoi andare a vivere da solo/a, non credere che tu debba comprarti assolutamente una villa o un appartamento che il tuo budget non si può permettere solo perché non sapresti come ristrutturare una casa. Fidati di te stesso/a e non fermarti: se il tuo sogno è un bell’appartamento o un piccolo terrazzo, sappi che, con le tue forze, potrai fare un magnifico lavoro di ristrutturazioni edilizie e far sembrare tutto nuovo!

Leggi anche:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Lascia un commento